segui Ciclismo su:

Cerca nel sito

Ciclismo - I filmati

Ciclismo - I filmati

Ciclismo - I filmati

Ciclismo

L'attualità del grande ciclismo: le più importanti gare su strada, i grandi eventi della mountain bike, i segreti della pista, tutti i colori dell'agonismo

I segreti della tecnica, le prove delle specialissime e delle mountain bike, i test sui telai con la bike machinery, gli approfondimenti su accessori e componenti, gli speciali sui principali eventi espositivi del settore

Le principali granfondo su strada e off road, le grandi sfide del mondo cicloamatoriale

E ancora: il fitness, il collezionismo, il turismo    

Il mondo delle due ruote a 360° tutti i mesi in edicola


                  Scarica il filmato di Ciclismo                



La Bike Machinery


Come vengono realizzate le nostre prove

La bicicletta, priva della forcella, viene vincolata al carro posteriore tramite uno snodo sferico; due attuatori pneumatici vengono collegati alle pedivelle, altri due alle estremità del manubrio e infine un quinto al tubo reggisella. Controllando la forza esercitata dagli attuatori tramite un computer centrale, si simulano tutti i tipi di carico sul telaio e sul movimento centrale, sia i carichi di tipo statico sia quelli di tipo dinamico. Una serie di tastatori induttivi controllano le deformazioni reali del telaio durante l’intera prova. I dati acquisiti vengono elaborati per essere tradotti in forma grafica.

Pedalata dinamica


La forza degli attuatori viene applicata in modo da simulare la pedalata, rispettando tutti i vincoli che effettivamente si possono riscontrare nel normale utilizzo, dalla forza sui pedali alla sella, al manubrio. Il carico sul telaio, come indicato nel grafico, viene variato in funzione dei diversi modi di pedalare. Nella prova con il carico definito “pedalata da passista”, la macchina applica la sollecitazione sul telaio
con una frequenza di 1 Hz, quindi come se ci fosse un giro completo di pedale ogni secondo. Nelle prove con i carichi “pedalata in rilancio” e “scatto in salita”, le forze vengono applicate con una frequenza di 2 Hz, due colpi al secondo, mentre si passa a 3 Hz, tre colpi al secondo, con lo scatto in volata. La prova completa, oltre a rilevare le deformazioni dinamiche del telaio, simula circa un anno di utilizzo della bici.

Frenata

In questa prova si simulano tutti i carichi che si generano durante la frenata. Al posto della forcella viene
applicata una struttura indeformabile in acciaio che trasferisce al telaio tutte le sollecitazioni. Con il carico sui pedali, sul manubrio e sulla forcella, il telaio tende a arcuarsi verso l’alto. Dato che la forcella che si utilizza è di tipo indeformabile (pesa circa 20 kg) l’arretramento del perno della ruota che si misura è da imputare esclusivamente alle deformazioni del telaio. Dalle condizioni della frenata “normale” con 30 kg sul perno della ruota anteriore si passa alla prova più severa “dell’impatto” con 100 kg, indicativa, oltre che di una chiara questione di sicurezza, anche della bontà del telaio nel mantenere la sua geometria, e quindi della guidabilità della bici, anche in situazioni estreme. La Bianchi Xl Ev3 Ullrich replica è la riproduzione fedele della bicicletta utilizzata dal campione tedesco all’ultimo Tour de France. Completamente in alluminio, forcella esclusa, si caratterizza per una buona rigidità complessiva e una particolare attitudune
all’agonismo. Assemblata con componenti al top di gamma, non mancherà di farsi apprezzare dai più
appassionati del marchio.



Tutto su:

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia