x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Le prime MTB di De Rosa

19 settembre 2017
a cura della Redazione
  • Salva
  • Condividi
  • 1/11 Age
    Tra le novità della collezione 2018 di De Rosa vi è l'ingresso nel settore delle MTB, oltre a una collezione con freno a disco e tanto altro...

    Con la chiusura di Cosmobike 2017, la più importante fiera italiana di settore, fioccano sul mercato le novità per le future collezioni.
    Fa notizia l’ingresso dello storico brand De Rosa nel segmento delle MTB, con una gamma ampia, tale da soddisfare le più svariate esigenze. Ma la strategia del marchio del cuore non si ferma qui: la nuova collezione è proposta con la disponibilità del freno a disco, oltre a un consolidamento della linea Black Label, che permette la creazione di biciclette uniche e su misura. Merita menzione l’innovativo telaio TT03, la bici da cronometro destinata ai corridori, pensata per superare ogni limite e segnare nuovi record.
    “A CosmoBike presentiamo al pubblico italiano un lavoro sviluppato nel tempo, con grande attenzione. Proponiamo sul mercato prodotti completamente nuovi, come le MTB, e garantiamo una serie di dettagli che sulle nostre bici sono la risposta alle necessità presenti e future del ciclista” - dichiara Cristiano De Rosa, amministratore della De Rosa - “Mi riferisco alla possibilità di montare il freno a disco sui nostri modelli di punta in carbonio, titanio e acciaio. Abbiamo lavorato nella direzione del rispetto, della dedizione e dell’intelligenza per garantire sempre la massima prestazione e un’estetica all’altezza delle aspettative. Dopo due anni di progettazione sullo sviluppo aerodinamico e sul design dei componenti arriva anche il telaio TT03: siamo pronti per stupire e lasciarci stupire. Ma il futuro e la visione si basa, in casa nostra, anche sulla Black Label, il nostro concetto aziendale attraverso il quale produciamo per ciascun cliente la bicicletta su misura, con un’attenzione sartoriale e quasi maniacale per ogni dettaglio”.

    La collezione 2018

    Le prime MTB di De Rosa
    Il modello Protos

    Mountain bike, ciclocross e gravel: è questo il capitolo delle ruote artigliate nella storia delle bici del cuore. L’ingresso in questo settore garantisce la possibilità di pedalare in ogni caso su una De Rosa, con la qualità, la precisione, la ricerca, la tecnologia e lo stile che contraddistinguono l’azienda. Oltre la strada, questa la denominazione della collezione, si presenta come una vera e propria pattuglia di bici per le quali è stato scelto il colore azzurro, per distinguersi al primo sguardo e affrontare qualsiasi tracciato. Si tratta di una linea completa dedicata a chi ama il mondo delle ruote grasse: la Big e la Bigger, due modelli MTB; la Sfida, per il ciclocross; la gravel Osa.

    Le bici proposte con il freno a disco, per l’arresto garantito in qualsiasi condizione sono: la Protos che, grazie al telaio all round, è adatta al ciclista professionista, al granfondista o al cicloamatore evoluto e si colloca al top di gamma della produzione. È una bici dall’anima racing, un vero e proprio laboratorio di ingegneria applicata per il raggiungimento di alte performance.
    La De Rosa SK Pininfarina Disk, continua nel solco tracciato dalla collaborazione con l’azienda torinese. La SK, frutto della partnership e sinonimo di eccellenza all made in Italy nel design e nella aerodinamicità studiata in ogni dettaglio, garantisce rigidità, stabilità e confort e con la soluzione del freno a disco anche un differente equilibro nelle fasi di arresto.
    La Idol, il prodotto in carbonio che fa della ricercatezza e della propria geometria il biglietto da visita, è disponibile anche con l’Ultegra r8000 Shimano.
    La Corum, la bicicletta in acciaio saldato a Tig, rappresenta la velocità costruita in maniera artigianale grazie ad un lavoro attento sulla lega meno morbida e che è comunque votata alla performance.
    Carbonio, acciaio, titanio e alluminio sono i quattro materiali sui quali, nel reparto di ricerca e sviluppo di Cusano Milanino, si mette a punto l’evoluzione stilistica e tecnologica e attraverso i quali il sogni di ogni ciclista può diventare realtà, senza limiti alla fantasia. Questa la filosofia aziendale sulla quale si basa la Black Label, un vero proprio esempio di Made in Italy fatto su misura.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA