x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Jawbreaker, Oakley con Cavendish

6 May 2015
Redazione Ciclismo
  • Salva
  • Condividi
  • 1/13
    Vi parliamo degli occhiali Jawbreaker, nati dalla collaborazione fra Oakley e Mark Cavendish. Le aste sono regolabili in 3 lunghezze per adattarle al casco, la tecnologia Switchlock permette di sostituire le lenti velocemente

    Jawbreaker, oakley con cavendish

    Per presentarli diciamo subito che i Jawbreaker traggono ispirazione e sono stati testati da Mark Cavendish, interessato a creare un'armatura per la velocità. E, dopo oltre 100 iterazioni di design, 9.600 ore di test in laboratorio e prove sul campo, 27 componenti d’occhiale e due anni di realizzazione, ecco che Jawbreaker ha visto la luce.

     

    Il sistema di tracciamento oculare

    Oakley ha utilizzato un sistema di tracciamento oculare per studiare i potenziali miglioramenti del campo visivo di un corridore. È stato possibile rilevare come la periferia superiore della lente sia cruciale per garantire il campo visivo necessario per massimizzare prestazioni e sicurezza dei ciclisti.

    Il risultato? Oakley ha perfezionato quell'area della lente per Jawbreaker donando a chi li indossa un campo visivo senza precedenti.

    Il nome Jawbreaker trae origine dal meccanismo del giunto cardanico, che ruota per separare la parte bassa della montatura, o "mascella" inferiore, dalla parte alta della stessa durante la sostituzione delle lenti.

     

    Aste regolabili e tecnologia switchlock

    Le aste sono regolabili in tre diverse lunghezze per adattarle al casco mentre la tecnologia Switchlock permette di sostituire le lenti in modo veloce e sicuro per qualsiasi condizione ambientale.

    Progettati per estendere il campo visivo in alto del 44% (rispetto alla media degli occhiali da sole) con la massima precisione ottica.

     

    La nuova tecnologia lenti prizm road

    Sono disponibili con la nuova tecnologia lenti Prizm Road, che ottimizza la visione dei ciclisti, mettendo in risalto i colori verso i quali l'occhio è più sensibile, per consentire di rilevare anche le più impercettibili variazioni nella conformazione della superficie della strada.

    Sono inoltre progettati con aperture integrate per favorire il flusso d'aria e ridurre l'appannamento. La montatura è ispirata alle armature con lenti singole resistenti agli urti.

    Per saperne di più su Oakley

    METTI "MI PIACE" SU FACEBOOK  SEGUICI ANCHE SU: NEWSLETTER TWITTER

    © RIPRODUZIONE RISERVATA