Sognando la California: San Francisco

28 febbraio 2017
  • Salva
  • Condividi
  • 1/6 San Francisco - Città per cicloturisti
    È una delle prime destinazioni per ogni turista o viaggiatore che decida di far rotta verso gli States. Ecco il racconto di viaggio... PRIMA PARTE

    Sognando la california: san francisco

    di Carlo Ferrari - foto Ferrari e Campora

     

    Affascinante per varietà di paesaggi, attraente per il movimento delle persone e delle idee, immaginata, conosciuta e sognata attraverso chilometri e chilometri di celluloide, la California offre terreno per ogni tipo di gioco e spunti di interesse per ogni esigenza di conoscenza culturale e geografica.

     

    La sua storica porta d’ingresso, sia o meno per le campate del Golden Gate Bridge, non può che essere San Francisco. Per chi arrivi con un programma tutto natura e movimento, con la voglia dell’esplorazione di tipo ecosostenibile, la metropoli potrà immaginarsi congestionata e poco meritevole, ma non è così.

     

    Credo che non esista città più stimolante per muoversi in bicicletta e a piedi, stimolante per chi non si spaventi delle ripide salite e per chi trovi divertente calcare le ciclabili della downtown tra pick-up extra large, roboanti Harleys e storici tramways.

    E sono proprio le prospettive dall’alto a rendere “Frisco” così fotogenica e varia; le finestre che dalle brecce delle sue salite si aprono sul mare della baia tra case vittoriane, sull’isolotto di Alcatraz, le funicolari a cremagliera, i colori e la fauna del quartiere di Castro e le colline retrostanti, gli ultimi plastici grattacieli di downtown e le tinte pastello dei tramways d’epoca.

     

    Da non credersi la quantità di piste ciclabili e strade condivise offerte, ma di più stupisce la cortesia degli automobilisti e la segnaletica divisa per percorsi numerati e nominati che riunisce al meglio gli angoli più carini, i must culturali e architettonici; gli spazi verdi come il Golden Gate Park, isola felice e silenziosa, un pezzo di campagna nella città.

     

    La zona della baia è la porzione ludico-ricreativa e rilassante della città, un vero open space per grandi e piccoli, con i negozi-noleggio di bici e il lungomare sabbioso, invitante e spazioso che si ferma solo al cospetto del simbolo cittadino, il rosseggiante Golden Gate Bridge la cui attraversata, anche qui su corsia riservata, porta sull’opposta sponda alla baia di Sausalito, procede per Marin, dove la mtb fu tenuta a battesimo, per terminare a Tiburòn, da dove in battello riporta alle sponde del litorale cittadino.

     

    San Francisco è anche una città da “urban trekking”, alleggerito, là dove le salite non avessero particolari highlights, dalle tramvie prese al volo. Questo per servire gli appassionati del pedestre, perché se la bici è un mezzo agile, rispettato e coinvolgente per esplorare, chi ama camminare può essere ben atteso da una rete di trasporto pubblico capillare, varia ed efficiente, dove imperdibili sono le ultracentenarie tramvie a cremagliera in legno lavorato, ottoni e cristallo.

     

    E passata la porta di questa terra dorata non resta che trovare le giuste tappe sulla strada delle montagne, dove attende un mondo tutto particolare che ha nome Mammoth Lakes... continua

    © RIPRODUZIONE RISERVATA