Social

Vittoria Corsa

Il giusto compromesso tra comodità e performance in sella

Vittoria Corsa

di Emanuele Barbaro

Dopo aver ricevuto le nuove coperture Vittoria Corsa in Grafene, ho provveduto quanto prima a montarle sulla mia bicicletta. Senza troppi sforzi ho equipaggiato le mie Mavic Ksirium SL di questi tubolari “aperti” d'alta qualità. L'operazione è stata molto semplice, in quanto il materiale si dilata agevolmente. Ho gonfiato gli pneumatici da 23 mm a 7,5 bar. Nella prima uscita su strada ho da subito riscontrato buone impressioni.

 

 

Nonostante i 7,5 bar, la guida è confortevole, senza perdere reattività. Il giusto compromesso tra comodità e performance in sella. Il rotolamento è fluido ed efficiente, la tenuta di strada sicura e precisa, anche in condizioni non ottimali del fondo stradale. Utilizzando da sempre coperture tradizionali, con le Corsa ho potuto apprezzare maggiormente l'ottima resa del materiale primario di costruzione, la tela. I tecnici Vittoria hanno generato un prodotto di altissima qualità senza trascurare nessun dettaglio. Esteticamente la Corsa ha un design a metà strada tra il classico e il moderno, il giusto mix: racing/elegante.

 

 

Sono dotate di varie scanalature sul battistrada, per evitare che si crei il rischioso effetto aquaplaning.

Seguirà un secondo test su fondo bagnato.

 

 

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia