Le 3 bici da strada (+ una) premiate con il Design & Innovation Award 2022

La giuria del premio Design & Innovation Award ha selezionato tre biciclette come migliori modelli da strada per la stagione 2022. Nella categoria "road" rientra però anche una gravel italiana. Ecco quali sono le 4 biciclette.

Si definisce l'"oscar dell'industria delle biciclette" e si vanta di testare "senza pietà" i prodotti ciclistici per scegliere quelli che si distinguono per innovazione e stile e che saranno le tendenze di qualità della nuova stagione. E' il Design & Innovation Award, un premio giunto alla sua nona edizione, che è organizzato da una società editoriale tedesca e ha sede in Alto Adige, nella frazione di San Vigilio-Plan des Coronoes. Il suo team è costituito da giornalisti internazionali, ciclisti professionisti, ingegneri ed esperti dell'industria ciclistica. Tutti i prodotti sono stati testati "sul campo", cioè non al chiuso di un laboratorio, ma mettendoli alla prova nelle condizioni reali. Il risultato è un marchio di affidabilità che garantisce: "Se trovi il logo dell'Award su un prodotto, puoi stare certo che stai facendo il giusto acquisto". Con queste premesse risulta ancora più interessante vedere quali prodotti sono stati selezionati, ecco qui di seguito la loro scelta per quanto riguarda una delle dieci categorie: quella delle bici da strada.

1 di 4

"Un purosangue da corsa". E' con queste parole che la giuria di tester della nona edizione del Design & Innovation Award ha motivato la scelta della Scultura V di Merida tra le migliori bici da strada per il 2022. "Merida - continua la motivazione - si è spinta ai limiti di ciò che è tecnicamente possibile. La bicicletta brilla per prestazioni alla costante ricerca della massima velocità in tutte le situazioni. Le linee pulite del telaio e il passaggio dei cavi completamente integrato nel manubrio monoblocco, non sono solo belle da vedere, ma sono state accuratamente ottimizzate per l'aerodinamica dell’intera bici". Questa è la stessa bicicletta che utilizza la formazione di professionisti del team Bahrain Victorious, presente a tutte le gare del circuito World Tour, e nel quale milita anche l'italiano Sonny Colbrelli. Non è però il modello alzato alcielo dal grande atleta subito dopo vittoria alla Parigi-Roubaix dell'anno scorso, dato che quella era una Reacto CFX, una bici molto simile ma ancora più aerodinamica. "Siamo estremamente contenti del riconoscimento di Design & Innovation Award che va a premiare il grosso investimento fatto dall’azienda nello sviluppo di bici di alta gamma – ha commentato Paolo Fornaciari, CEO di Merida Italia – le stesse bici che utilizzano i professionisti del Team Bahrain Victorious come i semplici appassionati che apprezzano la qualità delle nostre biciclette". Il modello Scultura V Team è dotato di gruppo Shimano Dura-Ace Di2 con misuratore di potenza su entrambi i pedali. Tra le caratteristiche di questa bici, c'è la possibilitàò di utilizzare pneumatici fino a 30 mm, aumentandone la comodità, senza rinunciare alla performance. "Nonostante i suoi geni da corsa dominanti – prosegue nel giudizio lo staff di Design & Innovation Award - la Scultura V Team offre un livello di comfort così elevato che si adatta molto bene anche ai principianti e a un uso più vario. I professionisti, infatti, possono godere della precisione di guida e di una straordinaria efficienza – conclude la motivazione del premio - mentre i principianti trarranno vantaggio dalla maneggevolezza della bici, aumentando così il proprio livello di fiducia".

Prezzo: € 9,999; Peso: 6.93 kg (size M). Maggiori informazioni: www.merida.it

Una bici ideale per andare veloci in montagna, sia in salita che in discesa. Si legge nella motivazione: “Con la R5, Cervélo osa creare una simbiosi tra la tecnologia innovativa e il design senza tempo di un classico telaio a diamante”. Una bici che raccoglie l’eredità di tre generazioni di biciclette R5 per aggiornarle e renderle ancora più performanti. Ne risulta così un mezzo capace di essere leggero ed efficiente sulle salite più impegnative, e allo stesso tempo reattivo, agile e preciso durante i cambi di direzione in discesa. Il tutto senza rinunciare al comfort, dato dalla capacità di smorzamento delle vibrazione dal manubrio ergonomico.

Prezzo: € 8,799; Peso: 7.44 kg (size 56). Maggiori informazioni: www.cervélo.com

Questa azienda tedesca, con sede in Baviera quasi al confine con l'Austria, vuole essere come il cibo di qualità paragonato al fast food. Qualcosa di ricercato, non pronto al consumo, ma che una volta in mano ti gratifica a lungo. I telai sono costruiti da artigiani specializzati in Germania e Italia. “Alla Einhorn Bikes – esordisce la motivazione del premio Design & Innovation Award – il nome dice tutto: ogni bicicletta che esce da questo produttore è unica come il mitico unicorno stesso”. Della 310 Endurance TI Classified – dove la dicitura TI sta per titanio - la giuria è stata colpita prima di tutto dalla grande possibilità di personalizzazione, tanto che “dalle specifiche alla geometria, ogni desiderio, può essere realizzato e adattato alle esigenze del cliente”. Il tutto è reso possibile da una consulenza personalizzata che consente di non porre nessun limite alla propria immaginazione, cui segue una prova professionale per verificare che la bici relizzata si adatti alle dimensioni del ciclista. Sulla bici testata dal team, hanno accoppiato pinze dei freni Hope con leve del cambio Sram. E’ stata inoltre apprezzata la pulizia, con i cavi nascosi nel telaio e i componenti anodizzati Hope che si armonizzano esteticamente molto bene con i loghi sul telaio. Ma non solo estetica, è stata apprezzata anche la guida e la facile maneggevolezza.

Prezzo: € 12,490; Peso: 8.60 kg (size 56). Maggiori informazioni: www.einhorn-bikes.de

Questa in teoria sarebbe da rubricare come gravel, ma la bici è stata pensata proprio per la sua versatilità. “Un approccio 2 in 1 che espande gli orizzonti” è questo che ha colpito la giuria nella Rave SLR di casa Wilier Triestina, una bici “fatta per percorrere il terreno ad un ritmo rapido, sia su strada sia fuoristrada”. La base è un telaio in carbonio che combina una moderna geometria da corsa con una generosa luce tra forcella e pneumatici e un peso ridotto. Questo consente di montare a piacimento pneumatici stretti quando si vuole correre sull’asfalto o montare quelli con larghezza massima di 42 cm se si vuole invece esplorare strade offroad. Entrambe le scelte hanno comunque una posizione del ciclista orientata alla performance. Si contraddistingue il manubrio formato da un pezzo unico, che garantisce grande aerodinamica e integrazione dei cavi. Anche dal punto di vista degli accessori, si può optare per lo spettro road (es. Shimano Dura Ace Di2, Shdimano Ultegra Di2 o Sram Force AXS) o quello gravel (es. Campagnolo Ekar, Shimano Grx o Sram Force AXS XPLR). La Rave SLR è la bici con cui l'ultracyclist Omar di Felice ha vinto, nell'estate 2021, la Race Across France, una gara di 2500 km dalla Costa Azzurra alla Normandia, una distanza percorsa in 5 giorni, 8 ore e 50 minuti che ha fatto registrare il record.

Prezzo: from € 8,300 | Peso: 7.72 kg (size L). Maggiori informazioni: www.wilier.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA