Bici rubata, restituita al proprietario prima ancora che si accorga del furto, grazie alla "targa" sul telaio

I carabinieri di Trento hanno fermato un uomo con una bici che non corrispondeva alla sua identità, e l'hanno poi restituita al legittimo proprietario. La verifica è stata resa possibile dalla punzonatura presente sul telaio, realizzata con il servizio "Targa la bici" del comune di Trento.

Foto generica del servizio Targa la Bici (sito comune di Trento)

Il proprietario non si era ancora accorto del furto, e quindi non aveva ancora sporto denuncia, quando i carabinieri l'hanno rintracciato per restituirgli la bici rubata. E' successo a Trento e quest'esito completamente positivo del furto di una bicicletta è stato reso possibile grazie al servizio "Targa la Bici" messo in campo dal Comune di Trento. Grazie alla punzonatura applicata sulla dueruote, i carabinieri sono riusciti a risalire al proprietario. Il ladro, un 50enne senza fissa dimora, era stato fermato da una pattuglia del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Trento mentre camminava per il centro della città portando sulle spalle una bicicletta con una catena tra telaio e ruota. I militari sono riusciti subito ad accertare la non corrispondenza di bici e ciclista, anche perché l'uomo era già conosciuto alle forze dell'ordine. Il ladro, che era già gravato da foglio di via obbligatorio, con divieto di entrare nel comune di Trento, è stato sottoposto a giudizio per direttissima. Il servizio Targa la Bici, grazie al quale questa vicenda si è conclusa nel migliore dei modi, è un servizio di targatura della bicicletta promosso dall'Amministrazione comunale per incentivare l'uso della bici contrastando il fenomeno dei furti. Attivo fin dal 2010, si effettua su prenotazione e consiste nella marcatura tramite punzonatura con tecnica indelebile del codice fiscale del proprietario sul telaio della bicicletta. In questo modo, in caso di ritrovamento della bicicletta, ci vuole pochissimo per rintracciare il legittimo proprietario. Il servizio è gratuito e messo a disposizione per chi usa normalmente la bici. Si può effettuare su tutte le bici a parte quelle con telaio in carbonio: eccezione non da poco, in effetti, dato che queste sono spesso le più costose, ma è anche vero che queste sono quelle che raramente si lasciano incustodite in giro per la città. Trento non è ovviamente l'unica città ad offrire il servizio e ad avere un registro, ma molte città italiane, con modalità diverse offrono questa possibilità. In alternativa ci si può rivolgere a un marchiatore specializzato.

Sotto la foto della bicicletta che è stata recuperata, riportata sui social dal quotidiano Trentino:

© RIPRODUZIONE RISERVATA