Cade in mountain bike, si fa male e finisce anche su un nido di vespe

Duplice brutta avventura per un appassionato di mountain bike, mentre si trovava con gli amici sulle montagne piemontesi

crediti foto: Soccorso Alpino e Speleologico Piemonte

Qualcuno la chiama Legge di Murphy, qualcun altro ricorda che, se la dea della fortuna è cieca, la sfortuna ci vede benissimo. Fatto sta che a volte una situazione già complicata, peggiora ancora di più. E' quanto successo a un biker domenica 17 luglio nel comune di Usseaux, rinomato borgo a 1400 metri di altitudine in provincia di Torino.

L'uomo, un 65enne italiano residente a Giaveno, mentre si stava divertendo in sella alla sua mountain bike, è caduto procurandosi un trauma in più punti. Ma come se non bastasse, cadendo, è finito proprio sopra un nido di vespe che, ovviamente infastidite dal suo brusco arrivo, hanno iniziato a pungerlo copiosamente.

Fortunatamente - almeno in questo - il biker non era solo: a soccorrerlo sono intervenuti i suoi compagni di escursione che hanno subito cercato di allontanarlo dalle vespe, rimediando a loro volta diverse punture da parte delle vespe. Dopo averlo spostato in un punto sicuro, hanno chiamato il numero di emergenza, attivando l'intervento del Soccorso Alpino. Una squadra li ha quindi raggiunti con l'elisoccorso, stabilizzato il malcapitato e verricellato a bordo dell'elicottero per trasportarlo in ospedale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA