di Andrea Guerra - 21 maggio 2019

Centurion Crossfire Gravel: divertimento (a 360 gradi) assicurato

Avete l’anima da stradisti ma amate il divertimento fuori dall’asfalto? Il mondo gravel è la risposta più allettante per soddisfare il desiderio di velocità, lunghe distanze, impegno fisico e leggerezza. E Centurion ha ideato con questi presupposti la nuova Crossfire, aggiungendo anche la parola “gravel” allo storico nome del modello.

Avete l’anima da stradisti ma amate il divertimento fuori dall’asfalto? Il mondo gravel è la risposta più allettante per soddisfare il desiderio di velocità, lunghe distanze, impegno fisico e leggerezza. E Centurion ha ideato con questi presupposti la nuova Crossfire, aggiungendo anche la parola “gravel” allo storico nome del modello.

La Crossfire Gravel si declina in quattro varianti per rispondere ad ogni esigenza: il modello top, Crossfire Gravel 4000, è realizzata in alluminio lucido, con una forcella rossa a contrasto e gli pneumatici maggiorati, per ammortizzare ancora meglio le variazioni del terreno. La variante Crossfire Gravel 2000 GT, è già dotata di portapacchi e parafanghi, pronta per il cicloturismo o per chi utilizza la bici come mezzo di trasporto per recarsi al lavoro, anche affrontando lunghi tragitti che includono tratti fuoristrada.

Per il 2019 la casata tedesca si è concentrata sul concetto di comodità, con migliorie relative alla posizione in sella e alla stabilità dell’assetto, appiattendo ulteriormente l’angolo di sterzo, allungando il reach e accorciando l’attacco manubrio, per alzare lievemente il busto. La guida è stata semplificata con un anteriore reso ancora più stabile sui terreni accidentati, un grande vantaggio per chi sceglie questa bici come mezzo da allenamento o cicloviaggio, ma soprattutto come oggetto per il divertimento! Il peso medio del solo telaio è di 1700 gr, un aspetto fondamentale per chi approccia la bici calcolando anche le minime variazioni di peso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA