Mr Virgin Richard Branson rischia la vita in bicicletta in una gara benefica sulle Isole Vergini

Richard Branson, il patron dell'impero Virgin. Stava partecipando alla Strive BVI, una sfida sportiva multidisciplinare per la raccolta di fondi sulle Isole Vergini Britanniche.

Richard Branson (foto sito Virgin)

Pauroso incidente in bicicletta per Richard Branson, il patron dell'impero Virgin. Stava partecipando alla Strive BVI, una sfida sportiva multidisciplinare per la raccolta di fondi sulle Isole Vergini Britanniche. Era l'ultima di una serie di Strive Challenges cui Branson ha preso parte nel corso degli anni, tutte per raccogliere fondi per Big Change, l'ente di beneficenza per l'istruzione fondato dai figli Holly e Sam.

Nel secondo giorno, quello dedicato alla bicicletta, con il suo team ha percorso un'impegnativa tappa in bicicletta di 60 chilometri intorno alle enormi colline di Tortola. A fine giro, ha prolungato la sua sfida per altri 10 km insieme ad alcuni amici, ma su una ripida discesa dalla collina, si è trovato a vivere momenti di vero terrore:

"Stavo pedalando in una curva ripida, con un enorme precipizio alla mia sinistra, una macchina che veniva su per la collina, e il mio collega Striver, Felix Stellmaszek, davanti a me che superava la macchina - racconta Richard sul suo sito -. Ho tirato entrambi i freni, ma non hanno risposto. Stavo andando sempre più veloce, e le mie opzioni erano di cadere dal precipizio, colpire la macchina, o schiantarmi su Felix".

Pochi attimi di adrenalina e paura: "Ho stretto entrambi i freni più forte che potevo (in seguito ho imparato che avrei dovuto provare a togliere una mano dal freno e poi stringerla di nuovo), ma non funzionavano. Ho gridato a Felix "i freni non funzionano!", ma lui non aveva alcuna possibilità di togliersi di mezzo. Ci siamo schiantati - duramente".

I due ciclisti hanno riportato molti graffi e contusioni. Per fortuna avevano i caschetti che hanno ridotto l'impatto delle teste sull'asfalto. Dovranno osservare qualche giorno di riposo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA