Ciclisti attenti alle nuove regole della strada... luci anche di giorno

Anche per i ciclisti la riforma del Codice della strada in vigore dal 10 novembre 2021 apporta novità significative e degne di attenzione.

Non soltanto monopattini e sanzioni salate per chi usa gli smartphone alla guida. Anche per i ciclisti la riforma del Codice della strada in vigore dal 10 novembre 2021 apporta novità significative e degne di attenzione.

Prima fra tutte quella sull'obbligo delle luci.

1 di 4

Sulle biciclette dovranno essere montati dispositivi per essere visibili al buio. Finora l’obbligo era previsto solo mezz’ora dopo il tramonto, ora invece è previsto sempre. Servono luci davanti bianche o gialle, dietro rosse e sui pedali e ai lati catadiottri gialli. Praticamente si dovrà avere le luci installate anche di giorno (anche se non accese), oltre al campanello....

Altra novità introdotta dal nuovo codice della strada è la possibilità di effettuare il servizio taxi anche con motocicli e velocipedi e non solo con le autovetture. Viene regolamento, dunque, anche il servizio con i risciò. Saranno i comuni a stabilire le regole per i servizi con conducente.

Una modifica al Codice della strada estende di mezzo metro (3,5 m anziché gli attuali 3 m) la lunghezza massima del veicolo classificabile come “velocipede”.

I monopattini elettrici già ora devono essere condotti solamente da persone di almeno 14 anni di età; viene ora limitata la velocità massima che diminuisce da 25 km/h a 20 km/h (confermato il limite di 6 km/h nelle zone pedonali), non potranno circolare sui marciapiedi (se ne consente il transito esclusivamente ai mezzi condotti a mano), e nemmeno contromano. Arriva l’obbligo di utilizzare le luci di posizione ed il gilet catarifrangente nelle ore notturne. Dal 1 luglio 2022, i mezzi di nuova produzione dovranno essere provvisti di frecce direzionali e luce posteriore di stop (quelli già circolanti dovranno adeguarsi entro il 1 gennaio 2024). È stato eliminato l’obbligo di indossare il casco per i maggiorenni (resta obbligatorio per i minorenni). Viene introdotto, per i mezzi in condivisione, l’obbligo della fotografia al termine del noleggio. Non compaiono decisioni su una regolamentazione in materia di copertura assicurativa o targa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA