Pika, il copertone di CST Tires studiato per il gravel, unisce tenuta e scorrevolezza

CST Tires ha creato una copertura dedicata alle biciclette gravel, che promette di soddisfare le molteplici esigenze di chi si trova ad affrontare fondi diversi, dall'asfalto allo sterrato più insidioso.

CST Pika (C-1894) colore skinwall (foto CST Tires)

Il nome ricorda un piccolo e rarissimo mammifero di montagna che assomiglia molto allo scoiattolo, il Pika. Un animale simpatico, sicuramente, ma soprattutto agilissimo su ogni terreno. Così anche i nuovi copertoni Pika (C-1894), studiati dalla CST Tires, puntano a soddisfare tutte le diverse esigenze di una guida gravel, la cui regola principale è l'esplorazione: per procedere in sicurezza sia su asfalto che su ghiaia e sterrato. Con questi copertoni, ottenere trazione sulle strade più sdrucciolevoli, promettono i produttori, "sarà un gioco da ragazzi".

Doppia tassellatura e doppia mescola

1/2

CST PIKA colore nero (foto CST Tires)

La performance è data da una doppia struttura, differenziata sia nella mescola che nella tassellatura. Nella parte centrale i tasselli a rampa offrono una rapida scorrevolezza, mentre sui lati i tasselli a forma di U garantiscono una maggiore aderenza in curva e padronanza del mezzo. Allo stesso modo la mescola è composta da una parte centrale più dura e resistente e da una parte laterale più soffice, studiata sempre per massimizzare la tenuta durante le curve e i tratti più ostici. Il copertone è disponibile con tecnologia antiforatura EPS (Exceptional Punctures Safety). Si tratta di uno strato di leggero poliestere ricorperto di gomma che viene inserito tra la carcassa e il battistrada. La sua fitta trama è fatta per resistere ai corpi estranei che potrebbero insinuarsi e, se presente, danneggiare la camera d'aria. E' questa una caratteristica che rende il copertone adatto ad affrontare i percorsi più insidiosi. I copertoni sono disponibili in cinque versioni, di queste tre sono Tubeless Ready. Il cerchietto lungo la circonferenza dello pneumatico si può scegliere rigido, in modo che garantisca stabilità lungo tutto il cerchio, oppure pieghevole, realizzato in Aramid, che si mantiene nella corretta posizione ma alleggerisce il peso complessivo. Anche per quanto riguarda il colore, si può optare per il classico nero o lo skinwall, che ha il fianco di colore marrone chiaro. Al di là delle delle varie versioni, tutte hanno TPI 60 (numero di fili di nylon per pollice quadrato), un dato che ancora una volta è pensato per resistere maggiormente alle forature e ai tagli.

Sono cinque le versioni del copertone Pika dedicato al gravel (Foto CST Tires)

© RIPRODUZIONE RISERVATA