Exploro Racemax Boost: la nuova, ambiziosa e-gravel di 3T

La prima gravel e-bike del marchio 3T aggiunge il sostegno dell'elettrico senza rinunciare a performance, agilità, divertimento (e anche all'estetica) di una bici muscolare.

1/9

“Potrai dimenticarti persino del fatto che stai guidando un’ebike e pensare solo ‘Wow, che gamba che ho oggi!’" assicurano i costruttori. A vederla (neanche troppo da lontano) sembra davvero che non ci siano differenze con una bici muscolare. La 3T ha lanciato la sua nuova bicicletta gravel a pedalata assistita, la Exploro Racemax Boost, prima e-gravel-bike dello storico marchio bergamasco. Una bici pensata per conservare il divertimento e l’agilità della versione gravel standard introdotta nel 2020, particolarmente leggera, aerodinamica e responsiva. La base di partenza è proprio lo stesso telaio della Exploro Racemax, un telaio altamente performante e veloce.

Tutte le parti elettroniche della Boost calzano alla perfezione all’interno della stessa struttura, senza bisogno di spazi più ingombranti o di cavi a vista. Il motore è inserito nel mozzo posteriore, mentre la batteria da 250 Wh è perfettamente collocata nel tubo obliquo. Il sistema personalizzato da 3T Mahle X-35 da 250 Watt e coppia massima 40 Nm, inferiore ai più potenti motori delle e-mtb, offre un aumento di potenza regolare ed è fatto per non creare resistenza quando è spento, in più e studiato per essere molto leggero, di soli 3,5 kg. Ne risulta una sensazione di pedalata naturale, per chi non vuole rinunciare al piacere di pedalare su una bici a tutti gli effetti. Ci sono tre livelli di sostegno alla pedalata, attivabili grazie ai comandi iWoc presenti sul manubrio: eco, che dà una impulso intenso ma poi si assesta su una spinta leggera, perfetta per rimettersi al passo con il gruppo quando si ha bisogno di un po’ di slancio nelle gambe; medio, che offre un maggiore supporto ideale per le salite; turbo, spinta massima per i terreni più impegnativi, che dà un impulso intenso e regolare e poi continua in base alla gamma di velocità scelta.

1/8

E’ una bici costruita per essere versatile, pensata per uno spettro molto vasto di rider: per chi vuole un supporto per poter estendere, in qualità o durata, le sue avventure, oppure per chi ha voglia di fare uscite in gruppo ma teme di avere una gamba un po’ inferiore ai suoi amici, o ancora per chi vuole andare al lavoro senza sudare e poi magari concedersi una deviazione avventurosa nella strada verso casa. La Racemax Boost è disponibile sia con il manubrio drop da corsa sia con il manubrio flat per chi vuole un maggiore controllo. Entrambi i modelli hanno un prezzo di 6,999 euro e un peso di circa 12kg. Mentre la versione ultralight, che pesa solo 9,8 kg, costa 9,999 euro.

1 di 3
1/2

Il motore X35 dà al rider una spinta fino a 250 watt, quando deve affrontare i terreni più impegnativi. Dispone di 3 diversi profili di sostegno, per offrire un'assistenza ottimizzata in base alle esigenze, alla situazione e al tipo di strada o sentiero.

1/2

Il pulsante iWoc One Remote è posizionato sul tubo superiore e consente al biker di scegliere tra le modalità Eco, Intermedio e Turbo. Consente anche facilmente di monitorare il livello della batteria.

1/3

La porta di ricarica è posizionata sotto al movimento centrale, in modo da rendere il sitema Boost quasi invisibile. La presa è impermeabile per non avere preoccupazioni anche su terreni fangosi o bagnati. La ricarica completa, da completamente scarico al pieno, richiede circa 3,5 ore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA