Per chi ama il freddo e le bici d'epoca, torna l'Artica, la ciclostorica del Nord Italia

Sono aperte le iscrizioni per la classica ciclostorica d'inverno, l'Artica, manifestazione che si tiene in provincia di Vicenza e promette di regalare paesaggi mozzafiato, cibo tipico prelibato, divertimento in compagnia e tanto, tanto, tanto freddo.

(Tutte le foto, edizioni de l'Artica)

Un appuntamento imperdibile per chi ama il freddo e il gusto della bici di una volta. Sono aperte le iscrizioni per l'Artica, la ciclostorica del Nord Italia, nel cui nome c'è già tutto il brivido eroico di chi vuole sfidare le strade bianche, in sella a una bicicletta d'acciaio, nei giorni più freddi dell'anno. Sì, perché l'Artica si svolge proprio nei famigerati "giorni della merla": dal 28 al 30 gennaio.

Si parte da Lonigo, in provincia di Vicenza, per andare alla scoperta di strade e sentieri dei Colli Berici, tra le brume venete, ma anche per fare incetta dei suoi sapori enogastronomici. Del resto pedalare al freddo fa bruciare molte calorie, che vanno reintegrate con cura: durante la corsa - che non è una competizione ma un'"esperienza multisensoriale" - saranno presenti diversi punti di ristoro, dove assaggiare le specialità locali, come il baccalà alla vicentina con polenta, le trippe accompagnate dal Pan Mojo, e ancora le Groste de Formajo e molte altre prelibatezze come pasta e fagioli, gnocchi alla cannella, lesso e pearà, la salsa povera della cucina veneta tradizionale. Nonostante il freddo, non bisogna trascurare nemmeno il reintegro di liquidi, e per questo non mancheranno il Durello e il Cabernet. Ma torniamo alla pedalata, altrimenti qui ci si appesantisce troppo: i percorsi disponibili sono due: quello breve di 25 km tutti pianeggianti e il classico di 52 km con 600 metri di dislivello e panorami mozzafiato. Giunta alla sua decima edizione, dal 2012 quando partì da un gruppo di amici con 14 partecipanti, l'Artica è andata crescendo di anno in anno, fino a superare i 500 iscritti e a ritagliarsi un posto tra le cicloturistiche del Nord. L'edizione 2022 rientra nel prestigioso circuito del Ciclo Club Eroica, e prevede tre giorni di eventi, con mostre d'arte, esposizioni di biciclette, presentazioni di libri e workshop, spettacoli e aperitivi culturali. C'è tempo per iscriversi fino al 31 gennaio sul sito www.lartica.it, ma non bisogna aspettare troppo perché i partecipanti sono a numero chiuso. Sul sito della manifestazione è disponibile l'importantissimo "Decalogo artico" che tutti i partecipanti devono rispettare, citiamo solo due regole basilari: la numero 1, "vestiti pesante", e la numero 9, "cerca di assumere più calorie di quelle che consumi".

Il Decalogo Artico

E' una sorta di regolamento morale che tutti i partecipanti devono seguire. Eccolo così come riportato sul sito ufficiale:

  1. Vestiti Pesante
  2. Stai attento al fondo scivoloso
  3. Non superare la macchina di testa
  4. Rispetta il codice della strada
  5. Gustati il paesaggio
  6. Rispetta l'ambiente
  7. Cerca di stare in gruppo
  8. Sii prudente in discesa e in gruppo
  9. Cerca di assumere più calorie di quelle che consumi
  10. Divertiti

L’attesa è finita, dopo tanti sforzi organizzativi resi vani dalla pandemia, finalmente torniamo a sorpresa con la decima edizione – afferma Nicolò Muraro direttore commerciale di Meneghini & Associati, società di comunicazione di Vicenza, co-organizzatore della manifestazione cicloturistica -. In questo momento storico di resilienza, siamo molto orgogliosi di portare lustro al nostro territorio, facendolo attraversare dall’Artica, manifestazione che porta i ciclisti tra le bellezze artistiche e del paesaggio e dalle bontà e genuinità della nostra cucina, con un occhio di riguardo all'ambiente e alla natura”. “L’Amministrazione comunale di Lonigo sostiene L’Artica con il supporto logistico, organizzativo e un contributo economico perché crede che sport e cultura rappresentino il binomio vincente per una ripartenza all’insegna dell’eco-sostenibilità e della riscoperta dei nostri territori. Abbiamo il dovere di sostenere iniziative come queste che hanno la bicicletta come protagonista e quindi la mobilità sostenibile, elemento distintivo e veicolo di promozione dei corretti stili di vita e della Città di Lonigo”. Ad affermarlo è Andrea Castiello, assessore allo Sport del Comune di Lonigo.

1/8
© RIPRODUZIONE RISERVATA