Giro Donne 2022: Marianne Vos non si ferma più. Attacca nel finale e vince in volata

Nella sesta tappa Sarnico-Bergamo seconda vittoria, quarto podio e Maglia Ciclamino per la campionessa olandese. Ancora in Maglia Rosa Annemiek van Vleuten, Niamh Fisher-Black in Maglia Bianca e Marta Cavalli in Maglia Azzurra. Nuova Maglia Verde per Elise Chabbey.

1/4

Marianne Vos batte allo sprint Lotte Kopecky e Silvia Persico

Bergamo - Seconda vittoria di tappa e quarto podio per Marianne Vos in un Giro Donne che si sta rivelando all’altezza del blasone della campionessa olandese che con oggi raggiunge quota 32 successi nella Corsa Rosa e 240 in carriera. Sul traguardo di Bergamo Vos ha battuto allo sprint Lotte Kopecky e Silvia Persico al termine di una frazione spumeggiante, caratterizzata da attacchi a ripetizione e da una sfida a viso aperto fra le big sulla salita della Boccola. Annemiek Van Vleuten ha mantenuto la maglia rosa correndo al coperto, in attesa dell’arrivo di domani al Passo Maniva.

Veniamo alla cronaca. Nella fase centrale della tappa Francesca Pisciali è stata la prima a prendere il vento in faccia, poi sono uscite in avanscoperta Kristen Faulkner e Lucinda Brand, ma il plotone, allettato dal trampolino della salita della Boccola verso Bergamo alta (1,3 km al 7,1%), non ha dato loro spazio.

Un attacco più deciso è stato quello di Alessia Vigilia che, inseguita da Marketa Hajkova e Eukene Larrarte, è riuscita a guadagnare fino a 1’05”, a 30 km dal termine. Poi è stata Victoire Bertau a lanciarsi all’attacco e a raggiungere un vantaggio di 1’30” a una dozzina di chilometri dall’arrivo. Dietro di lei si è poi mossa Giorgia Bariani che non è riuscita a portare a termine con successo il proprio inseguimento.

Il plotone, spinto dalla Jumbo Visma, si è fatto sotto a 4 km dal traguardo e sul tratto più impegnativo della salita della Boccola Elisa Longo Borghini è scattata portandosi a ruota Marianne Vos e Mavi Garcia. Il gruppo della maglia rosa si è rifatto sotto nella discesa, ma Vos ha piazzato la volata vincente davanti a Kopecky e Persico.

Non mi aspettavo due vittorie in questo Giro, ma quando si vince ci si pone sempre un nuovo obiettivo.

“Sto ancora cercando di riprendere fiato! – ha detto la leader della classifica a punti dopo l’arrivo - Ho cercato di trovare posizione stando sempre davanti prima dell’ultima salita, dando poi diversi sprint sul finale. È stata una tappa abbastanza difficile ma è stato davvero bello prendermi questa vittoria. Il team si è comportato molto bene, cercando di aiutarmi. Non mi aspettavo due vittorie in questo Giro, ma quando si vince ci si pone sempre un nuovo obiettivo. Posso dire di essere molto soddisfatta”.

Dunque ancora in Maglia Rosa (classifica generale a tempi) Annemiek van Vleuten, Maglia Ciclamino (classifica generale a punti) per Marianne Vos, Niamh Fisher-Black in Maglia Bianca (classifica generale a tempi giovani) e Marta Cavalli in Maglia Azzurra (migliore italiana in classifica generale a tempi). Nuova Maglia Verde (classifica generale dei gran premi della montagna) per Elise Chabbey.

Con una classifica generale immutata, il Giro Donne affronta domani l’arrivo in salita più impegnativo dell’edizione 2022. La settima tappa porta il Giro Donne in provincia di Brescia, partendo alle 10:55 dal comune di Prevalle, appoggiato sul fiume Chiese, addentrandosi poi nelle Prealpi Bresciane fino a Passo del Maniva, nel comune di Collio, a quota 1.742 metri, punto più alto toccato da questa edizione della competizione. Alla partenza inizia subito un circuito di tre giri che passa da Gavardo e torna a Prevalle con un traguardo volante per ciascun giro.

Successivamente la gara rimane in piano ed entra prima a Nuvolento, poi a Rezzato e anche a Brescia, Capitale della Cultura italiana nel 2023 insieme a Bergamo, dove il percorso svolta a nord e inizia una costante e sempre più ripida salita. Al km 70, presso Villa Carcina, la tappa è a quota 234 metri, ma nei successivi e ultimi 43 km di tracciato le atlete affrontano 1.400 metri di dislivello, entrando nei comuni di Gardone Val Trompia con un traguardo volante al km 75,7, Tavernole sul Mella, Pezzaze e Collio, fino al Passo Maniva, dove il traguardo coincide con un Gran Premio della Montagna di Categoria 1.

Il video della Tappa 6 Sarnico - Bergamo

© RIPRODUZIONE RISERVATA