Giro Donne 2022: Van Vleuten a un passo dal tris

Nonostante una caduta, l’olandese sempre più in Rosa si conferma la pretendente più accreditata alla vittoria finale aggiudicandosi la tappa numero 8 Rovereto – Aldeno. Seconda Marta cavalli e terza Elisa Longo Borghini.

1/4

L'olandese Annemiek van Vleuten taglia per la seconda volta vittoriosa il traguardo al Giro Donne 2022

Annemiek Van Vleuten sempre più padrona del Giro Donne dopo la Rovereto-Aldeno che quest’oggi ha regalato grandi emozioni sulla salita verso il Lago di Cei. Per la prima volta in questa edizione della Corsa Rosa la tappa si è risolta in una sfida a viso aperto fra le pretendenti alla vittoria e, nonostante una caduta, l’olandese della Movistar ha messo ulteriore distanza fra sé e le rivali.

La tappa iniziava a velocità supersonica: con il vento in poppa il gruppo copriva i primi 20 km in 25 minuti. La corsa si incendiava dopo il primo passaggio dal traguardo, con Kristen Faulkner all’attacco.

A -18 km dall’arrivo e a 6 km dal passaggio dal Gpm del Lago di Cei, Van Vleuten si riportava su Faulkner con Garcia e Cavalli a ruota. Insistendo con un rapporto spaccagambe, l’olandese si scrollava di dosso le due inseguitrici, ma mentre la spagnola finiva di colpo la benzina, Cavalli insisteva mantenendo il contatto visivo con l’avversaria per diversi chilometri.

Al passaggio dal Lago di Cei, a una dozzina di chilometri dal traguardo, Van Vleuten poteva gestire un vantaggio di 28” su Cavalli. Chilometro dopo chilometro il gap lievitava, ma a 5 km dal traguardo la maglia rosa arrivava lunga su un tornante, dopo avere toccato gli 85 km/h. Una strisciata col braccio destro sull’asfalto e niente più per la ciclista della Movistar che ripartiva immediatamente e riusciva a recuperare nella parte restante della discesa tutto il tempo perso per la caduta.

Nel finale di gara si rimescolavano le carte anche alle spalle delle due sfidanti per la maglia rosa con Elisa Longo Borghini e Niamh Fisher-Black che recuperavano terreno, rispettivamente, su Faulkner e Garcia. Cavalli tagliava il traguardo 59” dopo Van Vleuten, mentre Longo Borghini arrivava terza a 1’38”, Faulkner quarta a 1’45”; Fisher-Black regolava il gruppo con Garcia, Labous e Ludwig a 3’01”.

Grazie alla seconda vittoria di tappa, Van Vleuten comanda la classifica generale con 2’13” su Cavalli, 3’42” su Garcia e 7’03” su Longo Borghini: “È stata una tappa dura, oggi volevo fare ancora di più la differenza – ha spiegato dopo l’arrivo -. Avevo un buon distacco dalla Cavalli ed è poi diventato più grande prima di aver fatto uno stupido errore in discesa, non era necessario affrontarla così, quindi sono anche un po’ delusa per questo… Scusa mamma! – ha sottolineato Annemiek per esser stata troppo spericolata in discesa - Comunque sto bene, ora sono felice, anche per essermi assicurata di nuovo la Maglia Rosa. Non vedo l’ora di affrontare la tappa Regina di domani, sarà molto bella”.

Sempre più in Rosa dunque (classifica generale a tempi) Annemiek van Vleuten che può indossare anche la Maglia Ciclamino (classifica generale a punti); Niamh Fisher-Black in Maglia Bianca (classifica generale a tempi giovani), Marta Cavalli in Maglia Azzurra (migliore italiana in classifica generale a tempi). Maglia Verde (classifica generale dei gran premi della montagna) per Elise Chabbey.

Domani, sabato 9 luglio, il Giro conclude le tappe in Trentino con i 112,8 km della San Michele all’Adige - San Lorenzo Dorsino, penultima corsa e tappa regina di questa edizione prima del gran finale a Padova. La nona tappa parte così a San Michele all’Adige alle 10:55 a quota 204 metri e dopo 10 km a Mezzolombardo le atlete devono affrontare 800 metri di dislivello lungo 12 km di tracciato che culminano con il Gran Premio della Montagna di Categoria 2 a quota 1.032 metri al km 22,8.

Dopo una tortuosa discesa che tocca Andalo, Molveno e San Lorenzo Dorsino, dove viene attraversato il traguardo in verso opposto rispetto all’arrivo, la gara scende sotto quota 500 metri per poi affrontare un altro GPM di Categoria 2: oltre 500 metri di dislivello racchiusi in una decina di km di percorso che arrivano fino al Passo Duron al km 62,4. Dopo una discesa che porta a Ponte Fiume Sarca, al km 76,2 è presente un traguardo volante a Vigo Rendena mentre al km 80 inizia la vera sfida: la salita verso il Gran Premio di Categoria 1 a Passo Daone al km 86,9, Cima Coppi del Giro Donne 2022 a quota 1.291 metri.

La tappa prosegue ancora per 30 km tra le montagne del Trentino prima di arrivare al traguardo a San Lorenzo Dorsino. L’arrivo è previsto per le 14:15.

Il video della Tappa 8 Rovereto – Aldeno

© RIPRODUZIONE RISERVATA