31 luglio 2019

In Alta Badia la stagione dei Parchi Movimënt

Vi parliamo dei parchi Movimënt, nel cuore dell’Alta Badia, tra i paesi di Corvara, La Villa e San Cassiano, a 2000 metri di altitudine. Un altipiano car-free e a misura di famiglia. I parchi resteranno aperti fino al 29 settembre

1/9

1 di 5

Torno sempre volentieri in Val Badia, una valle bellissima, nel cuore delle Dolomiti. Non ricordo quando ho cominciato a frequentarla ma per molti anni sono venuto qui d’inverno per delle memorabili sciate sulle piste della valle o intorno al Gruppo del Sella, sul mitico Sella Ronda che permette di viaggiare sciando anche nelle valli limitrofe. Grandi panorami, discese entusiasmanti, indimenticabili emozioni.

Poi ho cominciato a tornare da queste parti d’estate, per camminare lungo i sentieri che portano ai rifugi, alle Vie Ferrate e per salire sulle più alte cime; la montagna nella sua bella veste estiva, con tante possibilità per tutti.

E alcuni anni fa finalmente ho portato qui la bicicletta, quella da corsa per cominciare, come fortunato partecipante della Maratona delle Dolomiti, la Gran Fondo più amata, con 9.000 partecipanti ogni anno ma con più di 30.000 pretendenti. La Maratona è una manifestazione unica che negli anni ha registrato un crescente successo tanto che ormai è diventata un sogno per i molti che si iscrivono ma devono affidarsi alla sorte per sperare di essere sorteggiati e poter partecipare.

Per fortuna sono stati organizzati anche Dolomites Bike Day e Sellaronda Bike Day, giornate ad accesso libero durante le quali vengono chiusi al traffico molti chilometri di strada con numerosi passi da scalare a disposizione dei ciclisti. Campolongo, Pordoi, Sella, Gardena, Falzarego, Giau, fantastici passi dolomitici o, meglio, sogni nel cassetto di tanti appassionati.

Mi mancava solo la mountain bike, ma sono riuscito a colmare anche questa lacuna poco prima dell'apertura dei Parchi Movimënt.

La zona migliore da esplorare per provare l’emozione della bici lontano dalle strade asfaltate, è l’ampio altopiano che si raggiunge facilmente dai paesi di San Cassiano, La Villa e Corvara. Sul filo dei 2.000 metri, in un ambiente di grande bellezza, un’estesa rete di stradine sterrate e sentieri collega tra loro numerosi rifugi e le stazioni di arrivo degli impianti che salgono dalle diverse località. Qui d’inverno si scia ma d’estate è uno splendore di prati fioriti, radure e freschi boschi. Il problema è dove volgere lo sguardo dato che, a 360 gradi, le Dolomiti più spettacolari attirano l’attenzione.

Il Gruppo del Sella, Sassongher, Lavarella, Conturines, Tofane, Marmolada e mille altre vette sono lo scenario dentro al quale si possono percorrere in lungo e in largo i diversi itinerari dedicati alle mountain bike. Percorsi molto accessibili e mediamente facili, anche se alcuni strappi, magari non molto lunghi ma duri, non mancano. Nell’aria limpida e frizzante dei 2.000 metri le mountain bike possono lanciarsi lungo le belle piste in cresta, passando da un punto panoramico all’altro, da un rifugio dove fare uno spuntino o bere una birra ad un altro dove assaggiare tutte le specialità locali.

Per ampliare il raggio d’azione e scegliere quanta fatica si preferisce fare sulle salite, si possono noleggiare agli arrivi degli impianti delle ottime e-bike, ovvero mountain bike a pedalata assistita, mezzi che hanno raggiunto un elevato standard di affidabilità e funzionamento, riuscendo a convincere anche i più scettici.

In realtà il servizio di noleggio in quota qui è chiamato E-bike Sharing, perché le biciclette si possono prendere, lasciare o ricaricare in una qualunque delle tre stazioni dislocate sull’altopiano, Piz Sorega, La Ila, Col Alt o nelle stazioni a valle.

Ovviamente chi vuole fare tanta fatica in salita ha solo l’imbarazzo della scelta, spaziando sui 32 chilometri quadrati dell’altopiano, mentre altre interessanti novità sono rivolte a chi ama le discese adrenaliniche. Stiamo parlando dei “Bike Beats”, percorsi di flow country scorrevoli e veloci progettati per essere percorsi da Mtb Enduro, E-mtb, Full e Downhill. I tracciati che prendono il via dal Piz Sorega, sono realizzati con terra e sabbia battuta e presentano piccoli ostacoli, salti, ponti e paraboliche. Gli itinerari si sviluppano nel bosco e sono suddivisi in 3 gradi di difficoltà: verde (facile), blu (media difficoltà) e rosso (impegnativo). Dal Pralongià invece parte un percorso appena realizzato, un trail medio facile che arriva al Passo Campolongo e a Corvara.

I percorsi sull’altopiano, come detto, collegano gli arrivi degli impianti, Piz Sorega salendo da San Cassiano, Piz La Ila salendo da La Villa e Col Alt da Corvara. In queste località, oltre che al Rifugio Pralongià, sono stati allestiti i Parchi Movimënt, gratuiti, pensati e realizzati per le famiglie, con numerosi giochi e attività che faranno felici i bambini e i genitori. Tantissime le proposte: laghetti con giochi d’acqua, altalene, minigolf, arrampicata, giochi di equilibrio, orientamento con “caccia al tesoro”. Inoltre, molte informazioni e giochi a tema sulla caverna degli orsi scoperta nella zona, giochi interattivi, laboratori e animazione. A disposizione delle famiglie anche passeggini “fuoristrada”, ideali per percorrere le stradine sterrate, che si possono noleggiare al Piz La Ila, al Piz Sorega e al Col Alt.

Naturalmente, nei parchi e lungo i percorsi, non mancano sdraio e zone relax per prendere il sole, leggere, riposarsi. Presso i parchi Movimënt, che resteranno aperti fino al 29 settembre, è da segnalare anche una grande attenzione verso gli amici a quattro zampe che salgono gratuitamente sugli impianti e in quota trovano piscinette e servizi a loro dedicati.

A San Cassiano si trova uno dei migliori hotel delle Alpi, il Rosa Alpina, con ristorante stellato in linea con il livello dell’albergo. Nell’elenco delle numerose possibilità di alloggio sono presenti 18 hotel bike friendly, detti anche Bike Expert, con una serie certificata di servizi specifici per i ciclisti. Va anche detto che in tutte le strutture ricettive della zona, a partire dai masi o dalle pensioni, l’accoglienza è sempre più che buona, con un rapporto qualità prezzo notoriamente molto interessante.

Per uno spuntino o un pranzo in quota, sono numerosi i rifugi all’arrivo degli impianti o lungo i percorsi. Da non perdere una cena tipica ladina in posizione panoramica al Maso Runch a Badia con piatti fatti in casa e materie prime di produzione propria.

Info

www.altabadia.org: informazioni turistiche, elenco alberghi, ristoranti, rifugi, attività, appuntamenti.

www.moviment.it: tutto sui parchi in quota, le proposte per le famiglie e le attività sportive.

www.bikebeats.it: e-bike Sharing e tracciati trail “Bike Beats” nei Parchi Movimënt

www.dolomitebiking.com: informazioni e servizi per bici da corsa ed mtb

© RIPRODUZIONE RISERVATA