Invasione di ebike a Firenze. Sono mille le biciclette di RideMovi

Rivoluzione per il servizio di bike sharing a flusso libero. In città i nuovi mezzi elettrici e tradizionali. Tutto quello che c'è da sapere per usarli.

Arrivano anche a Firenze le bici a pedalata assistita. Sono subito mille, ma con la prospettiva di raddoppiare a breve. Ci sono inoltre duemila biciclette tradizionali con un design completamente rivisto. Presentata la nuova flotta RideMovi alla presenza dell'assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti e del Ceo di RideMove Alessandro Felici.

“Con queste nuove biciclette si rinnova la flotta del bike sharing - ha dichiarato l'assessore Giorgetti -. Si tratta di modelli innovativi che da oggi sono in servizio a Firenze, prima città d'Italia. Il bike sharing è un servizio che funziona e con questi nuovi mezzi che progressivamente sostituiranno i vecchi modelli funzionerà sempre meglio. Come Amministrazione ci contiamo soprattutto per gli spostamenti dell'ultimo miglio. Per questo abbiamo bandito una gara pubblica per l'affidamento del servizio considerato come integrativo al trasporto pubblico locale e alternativo al mezzo privato soprattutto in vista della realizzazione dello Scudo Verde. Per questo il bando prevede anche un corrispettivo economico al gestore di 800mila euro in tre anni”.

Firenze era stata la prima città in Italia (nel 2017) a lanciare il servizio di bike sharing a flusso libero (inizialmente Mobike ora RideMovi), ma anche per essere la città con maggiore densità di biciclette per abitante in Europa pari a una bici ogni 100 abitanti. In 4 anni sono stati percorsi oltre 4 milioni di km con un risparmio di migliaia di tonnellate di CO2 e con una media di picchi di utilizzo registrati di oltre 10.000 corse al giorno.

Per quanto riguarda le bici, le nuove Ridemovi hanno il telaio colore grigio metallizzato e i cerchioni arancio. La nuova eBike ha una guida più performante con un motore elettrico dalle prestazioni molto elevate ed una pedalata comoda grazie alle gomme più larghe. La bicicletta tradizionale è stata dotata di particolari tecnologici già anticipati sulla ''sorella'' elettrica. Il lucchetto manuale della ruota posteriore è stato infatti eliminato e la chiusura del mezzo avviene comodamente tramite app. Integrato anche il supporto per cellulare che permette di navigare e arrivare facilmente a destinazione.

Sono disponibili corse singole e pass o pacchetti minuti a prezzi scontati. Corse singole: eBike 0.20 euro al minuto; bicicletta 1 euro ogni 20 minuti Prime Pass: bicicletta corse illimitate da 120 minuti ciascuna; eBike 1,25 euro per 15 min Pass per biciclette tradizionali: corse illimitate da 120 minuti ciascuna 30 giorni: 12,99 euro (prezzo regolare 14,99) 90 giorni: 29,99 euro (prezzo regolare 36,99) 360 giorni: 79,99 euro (prezzo regolare 124,99) Pacchetti minuti eBike 25min: 4,50 euro (prezzo regolare 5 euro) 45min: 7,90 euro (prezzo regolare 9 euro) 90min: 14,90 euro (prezzo regolare 18 euro).

L'area operativa è evidenziata nell'app, ma è possibile l'utilizzo fuori dall'area: necessario parcheggiare sempre all'interno di essa in modo responsabile, seguendo le istruzioni date dall'app al momento della chiusura della corsa. Se l'utente parcheggia fuori dall'area operativa non sarà possibile chiudere la corsa. L'applicazione inviterà l'utente a riportare il mezzo all'interno dell'area.

© RIPRODUZIONE RISERVATA