11 May 2018

Gli italiani al Tour de France in libreria

Le grandi imprese degli italiani al Tour sono raccolte nell'ultima fatica letteraria di Giacomo Pellizzari "Gli italiani al Tour de France". Da fine maggio in libreria...

​L'immagine resa da Paolo Conte in Bartali "da quella curva spunterà, quel naso triste da italiano allegro, tra i francesi che s'incazzano..." già la diceva lunga sul rapporto tra italiani e francesi.
Tutte le imprese degli italiani al Tour: da Ottavio Bottecchia, primo italiano a vincere nel 1924, fino a Vincenzo Nibali, passando per le grandi imprese “riuscite” di Fausto Coppi, Gino Bartali, Felice Gimondi, Marco Pantani e quelle “mancate” (magari di un soffio) di Fiorenzo Magni e Claudio Chiappucci. Queste storie di fatica e coraggio sono raccolte in "Gli italiani al Tour de France", ultima pubblicazione di Giacomo Pellizzari, scrittore e giornalista sportivo, già autore de "Il carattere del ciclista" (2016) e "Storia e geografia del Giro d'Italia" (2017).

Gli italiani "in gita" al Tour

La Grande Boucle è da sempre la corsa ciclistica più ambita, l’evento sportivo secondo come popolarità solo a Olimpiadi e Mondiali di calcio. Ma c’è di più. Da sempre, il Tour de France è per noi quasi il contrario del Giro d’Italia: se questo è una grande festa di paese, il Tour è invece una spedizione in terra straniera, dove si parla un’altra lingua, dove i paesaggi, le montagne, le strade e il cibo sono diversi. Dove il pubblico, spesso, è stato ostile o quantomeno poco amichevole nei confronti degli “italiani in gita”.
Se a tutto questo aggiungiamo l’antica rivalità tra italiani e francesi - al suo acme quando al Tour partecipavano squadre nazionali (dagli anni ’30 ai ’60) - è evidente perché una maglia gialla può valere una carriera.
Come i migranti italiani che andavano nelle Americhe a cercare fortuna con la valigia di cartone, i nostri ciclisti sono sempre partiti alla volta del Tour come per un grande viaggio, dagli esiti talvolta gloriosi, talvolta amari, ma sempre colorati delle tinte dell’epica: polvere, visi rigati dal vento, storie di povertà riscattata e ostinazione, in cerca di un sogno.

Note sull'autore

Giacomo Pellizzari è scrittore, giornalista sportivo e consulente di comunicazione. È stato direttore editoriale di Bike Channel, canale di Sky dedicato al mondo a due ruote. Scrive per la rivista Cyclist Italia e collabora con numerose testate, tra cui l’americana Peloton Magazine, è socio di Upcycle, il primo bike cafè restaurant d’Italia e ideatore del format “Ciclismi Possibili”. Il suo blog, “Confessioni di un ciclista pericoloso”, è tra i più letti dai cicloamatori. Nel 2014 è uscito il suo primo libro, Ma chi te lo fa fare? Sogni e avventure di un ciclista sempre in salita (Fabbri Editori). Con Utet ha pubblicato Il carattere del ciclista (2016), tradotto in Olanda e Germania e Storia e geografia del Giro d’Italia (2017), due edizioni. Sua la voce “Giro d’Italia” nell’edizione 2017 del Libro dell’anno Treccani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA