La cicloturistica di San Francesco diventa un percorso permanente per cicloturisti

L'itinerario cicloturistico dedicato a San Franceso sarà composto di almeno 15 diversi tracciati ideali per esplorare il territorio umbro in bicicletta.

Trasformare i percorsi della cicloturistica storicaFrancesco nei sentieri” in un percorso permanente a disposizione di tutti gli amanti del ciclismo.

L'idea viene dall'associazione “Francesco nei sentieri” che, a cinque anni dalla nascita e dell'omonima manifestazione cicloturistica d'epoca legata al santo di Assisi, ha deciso di fare il salto di qualità.

Il progetto è stato presentato a Cannara e vede il coinvolgimento di diversi comuni della provincia di Perugia che sigleranno un protocollo d'intesa.
Oltre a Cannara e al capoluogo ci sono Assisi, Bettona, Bevagna, Spello, Corciano, Magione, Castiglione del Lago, Passignano sul Trasimeno, Tuoro sul Trasimeno, Lisciano Niccone, Umbertide, Montone, Gubbio e Valfabbrica.

Non un solo itinerario, bensì 15 tracciati che hanno l'obiettivo di far conoscere il territorio attraverso i luoghi che raccontano la storia del santo di Assisi.
“È un progetto a cui lavoriamo da tempo - ha spiegato il presidente dell'associazione, Cesare Galletti -. Abbiamo in mente una quindicina di itinerari, alcuni si spingono anche al confine con la Toscana. L'obiettivo è promuovere il territorio e far conoscere le sue bellezze”.

Il sindaco di Cannara, Fabrizio Gareggia, ha sottolineato come “la ciclostorica Francesco nei sentieri ha creduto fin dal suo esordio nel nostro territorio valorizzando, attraverso il suo passaggio, il sito di Pian d'Arca, dove la tradizione colloca lo straordinario episodio della predica agli uccelli di san Francesco, così come l'area archeologica di Urvinum Hortense”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA