di Carlo Ferrari - 21 August 2018

La Los Angeles da pedalare. E non solo...

Hollywood, West Hollywood, Beverly Hills e Santa Monica: vi guidiamo tra le vie di Los Angeles con consigli su itinerari, mete e servizi
  • Salva
  • Condividi
  • 1/10 Gli operatori di “Bikes and Hikes LA” hanno preparato un tour di 54 km per 420 m di dislivello da veri cicloamatori

    Partendo per la California, e magari per una metropoli come Los Angeles tutto può venire in mente tranne la possibilità di farci dentro un divertente giro in bicicletta, duro abbastanza sulle rampe di Beverly Hills e lungo a sufficienza per non perdersi nulla.
    Mettendo in programma una scontata visita alle strade di Hollywood non credo venga in mente a molti di arrampicarsi scarponcini allacciati sulle Hollywood Hills per una camminata sullo skyline della sottostante “città degli angeli”, un diversivo sportivo e al tempo stesso molto divertente.
    In tutto il mondo sono in estensione le reti ciclabili cittadine centrali quanto periferiche, che diventano un valore aggiunto per il turismo e aprono a un nuovo tipo di turismo, quello culturale-sportivo.
    A tal proposito Los Angeles è più che una meritevole meta semplicemente scelta per il fascino esotico degli studi cinematografici, per la favola di Hollywood o per le enormi spiagge del Pacifico, è un luogo ideale dal clima sempre buono e perfetto in autunno o primavera, con pochi dislivelli e tante cose da vedere.
    Hanno avuto una bella idea gli operatori di Bikes and Hikes LA nel preparare un tour di 54 km per 420 m di dislivello da veri cicloamatori, su buone e confortevoli citybikes, merenda sull’oceano e tanti stop fotografici. Partenza dal negozio in West Hollywood, un poco di pianura e subito a smanettare sul cambio su e giù per la collina di Beverly Hills, a passare in rassegna i viali che nascondono le dimore delle “movie stars”, attraversata di Bel Air e ri-discesa nel traffico urbano per muoversi verso mare a spazzolarsi per bene le piste ciclabili del litorale di Santa Monica, estremità balneare di Los Angeles, ben noto capolinea della tanto “cantata” e “filmata” Route66, la decana delle American Highways, che partita da Chicago termina al suo storico molo di legno. Quartiere balneare abbastanza “retro” da godersi al meglio lontano dai week-end, che ingloba Venice Beach con il suo carico di culturisti, musicisti, ballerini improvvisati, saltimbanchi, funamboli vari scatenati nelle palestre a cielo aperto e tra le palme, e la strada del passeggio, il Venice Boardwalk, ingombra di venditori, una sezione chiassosa tutto sommato limitata che prosegue con una lunghissima ciclabile fino al porticciolo turistico di Marina del Rey ed oltre ancora per 35 km totali dalla partenza di Temescal Canyon Park fino a Torrance Beach.
    Al ritorno si può variare verso l’interno lungo il Balloona Creek, passare Culver City per un angolo un poco “retro” nella storia del cinema e, sempre per ciclabili, incrociando il Pacific Design Center riguadagnare il punto di partenza. Lungo il tragitto il Westwood Village Memorial Park Cemetery può essere una toccante ed allo stesso tempo carina variazione sul tema per visitare le ultime dimore di alcune delle più grandi celebrità del cinema e della musica. Tutti questi chilometri per un tour cittadino possono sembrare esagerati ma, credetemi, non ve ne accorgerete nemmeno da tanto ne sarete assorti e rapiti dai racconti della vostra guida!

    L'escursione alle Hollywood Hills

    Altra soluzione esplorativa molto divertente e remunerativa l’attraversata escursionistica delle Hollywood Hills, il che comprende anche il saluto allo storico “Hollywood Sign”, il cartellone con la scritta H-O-L-L-Y-W-O-O-D che dal 1923 troneggia sulla cima del Mount Lee. Un’esperienza divisibile in due giornate, la prima per il circuito del Runyon Canyon, 6,6 km per 300 metri di dislivello, e la seconda per attraversare tutta la cresta che dal Griffith Observatory porta alla cima del Mt Lee e dunque ridiscende al centro di Hollywood in 10,5 km per 270 m di dislivello. Un comodo ed economico Uber-Taxi evita sia di guidare nel caos della città, sia noiose spese e ricerche di posteggio, e per giunta permette di partire da un punto e chiudere in un altro, anzi, nel secondo caso, si terminerà in corrispondenza di un delizioso bar posto tappa per escursionisti, il “Beachwood Cafe”, dove il wi-fi per il servizio Uber è diventato ormai di prassi e dove ci si ritrova con gli improvvisati soci di cammino incrociati sui sentieri della giornata.
    Vale la pena includere in partenza di gita una sgambata per l’Hollywood Boulevard, nulla di particolarmente esaltante e troppo soffocato da esercizi pacchiani e chiassosi, ma si sa, “must” come il dehor del Chinese Theatre vanno visti, e una scariolata per Rodeo Drive vale sempre un “ci sono stato”. D’altronde tutto è abbastanza ravvicinato e raggiungibile. Con più giorni a disposizione questa piccola parte della grande città ha ancora tante cose da regalare, come le visite agli studios cinematografici, al Pacific Design Center, a una più lenta e minuziosa esplorazione di Santa Monica, che offre degli angolini veramente rilassanti e particolari, come i Venice Channels, e le ciclabili del Brentwood Loop di 18 km, del Pacific Palisades Loop di 4 km, e un lungocosta che in 20 km porta a Malibu. Turisti della Los Angeles dei rotocalchi e della celluloide non riducete dunque una vacanza alla cabina di un taxi. La California ha sempre in serbo un meraviglioso sole e un gradevole clima grazie ai quali scoprire quello che non si crederebbe tra i meandri del santuario del cinema. Persino pedalando e camminando!

    INFO UTILI

    COME ARRIVARE
    American Airlines opera voli da Milano Malpensa a Los Angeles a partire da 570 €.
    QUANDO ANDARE
    Tutto l’anno, anche se tarda primavera ed inizio autunno hanno le temperatura migliori

    Meglio avere una automobile, e noi abbiamo trovato un buon servizio con Alamo anche se UberTaxi è economico e rapido. Munirsi del visto ESTA per l’ingresso negli Stati Uniti. Munirsi di una buona polizza assicurativa contro malattie, infortuni e danni a terzi come la Viaggi-no-stop di Europ Assistance. Vestiario estivo con una buona giacca e una zip termica. Da non dimenticare, per le gite in bici, casco ed occhiali come il nostro corredo Salice e un vestiario adeguato come il nostro corredo Sportful per la bici e Columbia per il trekking.

    DOVE DORMIRE B&B
    Best Western Royal Palace Inn & Suites
    Best Western Plus Sunset Plaza

    ​NOLEGGI BICI
    LA Bike&Hike Tours
    SM BikeCenter

    ​SITI UTILI
    www.visitcalifornia.it
    www.visitwesthollywood.com

    © RIPRODUZIONE RISERVATA