Mondiali DH, maglia iridata per Loic Bruni e Valentina Höll, bronzo per lo juniores Davide Cappello

La gara di mtb downhill ai mondiali di Les Gets ha incoronato per la quinta volta il francese Loic Bruni tra gli uomini e l'austriaca Valentina Holl tra le donne. Storico terzo posto dell'azzurro Davide Cappello nella categoria juniores

1/7

Loic Bruni e Valentina Höll (foto crediti: press office UCI)

Proseguono i mondiali di mountain bike a Les Gets, Francia. Ieri si sono corse le prove di downhill con le categorie juniores, donne Elite e uomini Elite.

“I francesi vanno forte in discesa” è una cosa che sentiamo dire spesso quando si parla di DH, infatti sul podio Uomini Elite ci salgono solo loro: Loic Bruni vince il suo quinti titolo mondiale, secondo Amaury Pierron e terzo Loris Vergier. Grandissima prestazione dei francesi sulla pista di casa, soprattutto di Loic Bruni che viene da una stagione sottotono e sfortunata in cui ha subito due infortuni (di cui uno importante, con conseguente operazione alla clavicola) ma rifila più di due secondi scarto al suo amico e rivale Pierron.

Per gli italiani, Stefano Introzzi si piazza 37esimo mentre Palazzari solo 76esimo. Non ha preso il via invece Loris Revelli per colpa di una caduta in qualificazione.

Nelle Donne Elite vince l’austriaca Valentina Höll, seguita dalla tedesca Nina Hoffman e la francese Myriam Nicole. La giovane campionessa austriaca si conferma così una delle promesse di questo sport, e dopo aver vinto la classifica generale di Coppa del Mondo la scorsa stagione, quest’anno indosserà la maglia iridata.

Solida prestazione delle ragazze Azzurre. Eleonora Farina chiude settima nonostante una caduta nella prima sezione di pista, seguita da Veronika Widmann in ottava.

Lo juniores azzurro Davide Cappello  durante la gara dei mondiali (crediti foto Michele Mondini / press office FCI)

Nelle categorie Juniores, l’Italia è sul podio maschile con un fantastico terzo posto di Davide Cappello, vince l’inglese Jordan Williams.

"E' stata veramente un'emozione fortissima" il commento di Cappello appena sceso dal podio iridato. "E' sempre bello rappresentare i colori azzurri, conquistare una medaglia mondiale però lo è di più. E' stata una gara molto bella, il tifo era strepitoso e mi ha dato la carica per fare decisamente meglio rispetto alle qualifiche: la velocità era diversa e questo ha pagato".

"Se sono felice? Penso che si capisca..." le parole di un più che soddisfatto CT Simone Fabbri, che alla sua prima esperienza mondiale da tecnico raggiunge un traguardo storico. E aggiunge: "La gara è andata alla perfezione. Non nego che ci aspettavamo un risultato del genere: conosciamo i nostri mezzi, i nostri atleti e le loro capacità. Non era una pista difficilissima ma non era facile andare forte, non c'era nulla di scontato. Ci contavo, ci credevo... Grande Davide!"

Storico terzo posto nella discesa per l'azzurro, che taglia il traguardo in 3:36.021 (crediti foto: Michele Mondini / press office FCI)

© RIPRODUZIONE RISERVATA