di Andrea Guerra - 19 marzo 2019

La Novus Boost Gravel di Selle Italia

Per Selle Italia è il primo prodotto dedicato alla disciplina gravel, la Novus Boost Gravel

Selle Italia presenta il suo primo prodotto dedicato alla disciplina gravel, la Novus Boost Gravel. Come le altre proposte della linea Novus Boost, la nuova sella del brand veneto ha uno shape compatto e la punta smussata, che favorisce la totale adattabilità di seduta. L’imbottitura in light gel a densità variabile garantisce il comfort anche sulle lunghe distanze, mentre gli inserti posteriori in nabuk e le grafiche realizzate a laser contribuiscono a donare un ulteriore tocco di stile. Proposta in due varianti, Novus Boost Gravel si adatta perfettamente alle diverse condizioni d’uso che il gravel presuppone.

La versione Tech, in fibra-tek nero, ha un’estetica contemporanea e accattivante, con micro fori sulla parte superiore della sella. Gli inserti riflettenti, posizionati invece su quella posteriore, sono appositamente pensati per l’utilizzo in città: rifrangendo la luce prodotta dai fari delle macchine, offrono un plus di sicurezza al ciclista che si muove in contesti urbani, di giorno come di notte.

Il modello Heritage vira invece dal look urban ad uno dal sapore più classico, in perfetta armonia con i canoni estetici delle bici gravel. La copertura in fibra-tek color cuoio, che ricorda il sapore vintage delle selle in pelle, non deve però ingannare: anche la versione heritage non prescinde infatti da un contenuto tecnico orientato al comfort e alla performance. Una sella perfetta per chi vuole dare alla propria bici un tocco retrò, senza rinunciare alle comodità e prestazioni delle selle moderne.

Entrambi i modelli di Novus Boost Gravel hanno il rail in titanio TI 316, sono disponibili nelle misure S ed L, ed hanno la tecnologia superflow, cioè l’ampio foro centrale che riduce drasticamente tutti i disagi causati da una prolungata pressione sulla zona pelvica, consentendo di trovare sempre una posizione di seduta ottimale ed estremamente confortevole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA