29 March 2021

Pandemia, un green pass per tornare a viaggiare in tutta Europa quest'estate

Si chiama Green Pass il certificato verde digitale che la Commissione Europea ha proposto per agevolare e rendere sicura la libera circolazione all'interno dei Paesi europei.

Si chiama Green Pass il certificato verde digitale che la Commissione Europea ha proposto per agevolare e rendere sicura la libera circolazione all'interno dell'UE durante la pandemia di COVID-19. Sarà il pass per le prossime vacanze anche per molti ciclisti che dopo più di un anno di stop vorranno tornare a pedalare in giro per l'Europa.

Il documento, che dovrebbe essere operativo da metà giugno, dovrà attestare la vaccinaizone di ogni cvittadino. Sarà disponibile gratuitamente in formato digitale o cartaceo, e comprenderà un codice QR che ne garantirà la sicurezza e l'autenticità. La Commissione predisporrà un gateway per garantire che tutti i certificati possano essere verificati in tutta l'UE e aiuterà gli Stati membri nell'attuazione tecnica dei certificati. Spetterà agli Stati membri decidere da quali restrizioni sanitarie possano essere esentati i viaggiatori. Gli Stati membri dovranno però applicare tali esenzioni allo stesso modo ai viaggiatori titolari di un certificato verde digitale.

"Con il certificato verde digitale, stiamo adottando un approccio europeo per garantire che quest'estate i cittadini dell'UE e i loro familiari possano viaggiare in sicurezza e con restrizioni minime- ha spiegato Didier Reynders, commissario per la Giustizia -. Il certificato verde digitale non sarà una conditio sine qua non per la libera circolazione e non sarà in alcun modo discriminatorio. Un approccio comune a livello dell'UE non solo ci aiutera' a ripristinare gradualmente la libera circolazione nell'Unione e ad evitare frammentarieta', ma sara' anche un'opportunita' per influenzare le norme mondiali e per fungere da esempio sulla base dei nostri valori europei come la protezione dei dati".

Tre categorie previste: ecco come sarà il certificato

In base al regolamento proposto dalla Commissione, faranno parte del green pass tre tipi di certificati: i certificati di vaccinazione, i certificati dei test (test NAAT/RT-PCR o test antigenico rapido), e i certificati per le persone guarite dalla COVID-19. I certificati saranno rilasciati in forma digitale o su carta. Entrambi comporteranno un codice QR contenente le informazioni fondamentali necessarie come pure una firma digitale che ne garantisca l'autenticità.

Gli Stati membri che accettano la prova della vaccinazione ai fini dell'esenzione da alcune restrizioni sanitarie come i test o la quarantena sarebbero tenuti ad accettare, alle stesse condizioni, i certificati di vaccinazione rilasciati nel quadro del sistema del certificato verde digitale Quest'obbligo sarebbe limitato ai vaccini che hanno ricevuto un'autorizzazione all'immissione in commercio nell'UE. Gli Stati membri possono comunque decidere di accettare anche altri vaccini.

I certificati includeranno una serie di informazioni limitate, come nome, data di nascita, data di rilascio, informazioni rilevanti riguardanti il vaccino/i test/la guarigione, e un identificativo univoco del certificato. Questi dati possono essere controllati solo per confermare e verificare l'autenticità e la validità dei certificati. Il certificato verde digitale sarà valido in tutti gli Stati membri e aperto all'Islanda, al Liechtenstein, alla Norvegia come pure alla Svizzera.

Per essere pronta prima dell'estate, la proposta deve essere adottata rapidamente dal Parlamento europeo e dal Consiglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA