Record italiano di velocità a pedali

PulsaR, realizzato dal Team Policumbent del Politecnico di Torino, è sfrecciato a 116.19 km/h al World Human Powered Speed Challenge per veicoli a propulsione umana

Record italiano di velocità a pedali

È sfrecciato a 116.9 km/h per le strade del deserto del Nevada,negli Stati Uniti, il nuovo prototipo PulsaR, realizzato dal Team Policumbent del Politecnico di Torino, stabilendo il nuovo record italiano di velocità su veicolo a propulsione umana.

Il record è stato realizzato nel corso del World Human Powered Speed Challenge, che si è svolto a Battle Mountain dal 14 al 19 settembre scorsi. L'evento, come ogni anno, ha radunato i ciclisti e le biciclette più veloci al mondo per confrontarsi con il cronometro sulla distanza di 200 metri, dopo una rincorsa di circa 8 km su un tratto della SR305 che attraversa l'altopiano deserto del Nevada a quota 1450 metri sul livello del mare.

 

I primi italiani

I ragazzi del Team Policumbent sono i primi italiani in assoluto a partecipare a questo evento unico al mondo, che ha visto l’esordio in gara per il ciclista e studente Andrea Gallo (classe 1987) che ha pedalato sul nuovissimo prototipo PulsaR. Un mezzo a pedali su 2 ruote, con seduta reclinata e una carenatura in materiale composito che abbassa la resistenza aerodinamica fino a 20 volte rispetto ad una bici tradizionale.

 

Come era la sfida

La competizione in Nevada, che ha visto sfidarsi 26 prototipi provenienti da tutto il mondo, è stata appassionante. Durante la prima sessione di qualifica di lunedì 14 settembre (con rincorsa breve da 2.5 miglia) Andrea Gallo si è subito guadagnato l'accesso alla rincorsa lunga (5 miglia), superando agevolmente ai 102 km/h la soglia richiesta di 96 km/h. Nella run lunga della stessa giornata, ha quindi preso le misure al tracciato incrementando la velocità raggiunta a 107 km/h. Martedì e mercoledì sono stati segnati da forte maltempo con sospensione delle sessioni di gara. Alla ripresa di mercoledì il team ha rilevato alcuni problemi tecnici sul prototipo, si è adoperato per risolverli e ha utilizzato la sessione successiva come collaudo tecnico. Gallo ha quindi potuto finalmente settare il record italiano ufficiale raggiungendo 109.96 km/h nella sessione di giovedì mattina, per poi incrementarlo ulteriormente venerdì sera (112.16 km/h) e fissarlo infine a 116.19 km/h nell'ultimo tentativo di sabato 19/9.

 

Sopra la soglia delle 70 miglia orarie

Un risultato di cui il ciclista e il team vanno orgogliosi, sopra la soglia delle 70 miglia orarie, un riferimento importante ottenuto già alla prima esperienza e che ha ricevuto appezzamenti anche dai partecipanti più esperti. Andrea Gallo è ufficialmente uno dei 24 ciclisti più veloci della storia e il team del Politecnico di Torino ha chiuso la competizione al secondo posto tra le squadre universitarie presenti.

 

Si punta alla soglia delle 80 miglia orarie nel 2016

Un successo importante per il team Policumbent, che getta le basi per promuovere ulteriormente la ricerca nel settore dei veicoli a trazione umana. Forte dell’esperienza acquisita sul campo, il team è già al lavoro per migliorare questo prototipo al fine di avvicinarsi alla soglia delle 80 miglia orarie nel 2016 e sviluppare un progetto totalmente nuovo che possa insidiare l’attuale record di oltre 85 miglia orarie nel 2017/18.

© RIPRODUZIONE RISERVATA