La storia di un operaio e di una gattina di strada diventati compagni di viaggio. A bordo di una bicicletta.

E' una storia incredibile, quella dell'operaio Dean, diventato cicloviaggiatore, e della piccola gattina Nala, che è salita a bordo della sua bicicletta in viaggio per le strade del mondo. Un'amicizia dal sapore delle favole, dalla quale è nato anche il libro "In viaggio con Nala" edito da Sperling & Kupfer. Ecco quello che ci ha raccontato Dean, ancora fermo in attesa che riaprano del tutto i confini, per poter di riprendere a pedalare. Sempre con Nala.

Dean e Nala in viaggio (Crediti per tutte le foto della pagina: Dean Nicholson)

Sta facendo il giro del mondo in bici, ma fin qui non c’è niente di straordinario. La cosa straordinaria, e che rende la sua storia più simile a una fiaba che alla realtà, è che sta pedalando insieme a un gatto, anzi a una gattina per l’esattezza. Potrebbe essere il titolo di un libro di Sépulveda, o uno di quei miti di iniziazione dei popoli lontani, in cui il protagonista in difficoltà trova un aiutante che viene dal mondo degli animali e grazie al suo supporto riesce a portare a termine qualcosa di grande, di eroico e importante. Così è successo a Dean Nicholson, giovane austriaco che faceva l’operaio senza troppa soddisfazione e non riusciva a trovare un posto nel mondo, non sapeva quale direzione dare alla sua vita. Nel 2018, allo scoccare dei trent’anni, prese la decisione coraggiosa di lasciare tutto e partire per realizzare un sogno: fare il giro del mondo in bicicletta. Ma dopo tre mesi, il viaggio intrapreso non stava andando come previsto: contrattempi, false partenze, poco o nulla di epico.

Finché un giorno, lungo le strade della Bosnia, l’incontro che cambiò tutto. Vide una gattina abbandonata, uno dei tanti mici vagabondi che si incontrano nei piccoli paesi immersi nel verde dei Balcani. Qualcosa in quegli occhietti verdi lo convinse che non poteva lasciarla lì, affamata, con la neve imminente e il rischio di essere investita o di morire di fame. Decise così di caricarla a bordo della sua bici, in un modo o nell’altro, nascondendola in una delle sacche laterali per passare la frontiera, e portarsela con sé. Ma Nala – questo il nome scelto per la sua nuova compagna di viaggio – non aveva intenzione di perdersi lo spettacolo del mondo. Curiosa e intraprendente come il suo nuovo amico, dalla borsa è subito salita sulla spalla di Dean, mettendo in chiaro le cose: voleva vedere tutto anche lei. Da quel momento, i due sono diventati inseparabili, hanno iniziato un viaggio in completa sintonia, uniti dallo stesso spirito tenace e dalla voglia di esplorare. Dean ha offerto a Nala una seconda possibilità, Nala ha fatto scoprire a Dean il senso di responsabilità, mostrandogli la direzione che stava cercando. Il viaggio - da allora sì - è diventato epico e memorabile.

Da un video virale alla pubblicazione del libro "In viaggio con Nala"

Il racconto della storia e la raccolta di tutte le più belle immagini, si può trovare nel libro "In viaggio con Nala" edito da Sperling & Kupfer. 

All’inizio del 2019 Dean ha postato un video del suo incontro con la gattina di strada Nala: questo video, condiviso da The Dodo, network noto tra gli amanti degli animali, ha catalizzato l’attenzione dei social, ottenendo in pochissimo tempo milioni di visualizzazioni (ad oggi quasi 6 milioni). Da allora l’interesse nei confronti di questa bizzarra coppia ciclistica è cresciuta continuamente, fino a raggiungere i 960 mila follower sul profilo instagram 1bike1wolrd. Dean ha realizzato anche molto merchandising e sfruttato questa vivibilità e la nuova notorietà per realizzare progetti benefici in favore di organizzazioni e strutture che aiutano gli animali. Tutto questo continuando l’avventura e macinando chilometri. E’ nato anche un libro dal titolo “In viaggio con Nala”, in Italia edito nel settembre 2020 da Sperling and Kupfer (320 pagine, 17 euro).

Curiosità di un viaggio unico nel suo genere

Durante i mesi di pandemia, anche Dean e Nala si sono dovuti fermare. Hanno trascorso tutto il periodo di più stringente lockdown in un piccolo paese austriaco, dove stanno aspettando una più certa e duratura riapertura dei confini per poter riprendere il viaggio, probabilmente verso est. A Dean abbiamo chiesto alcune curiosità e consigli per capire meglio questo suo viaggio in bici con un compagno di viaggio così straordinario (e chi conosce i gatti sa quanto a volte siano diffidenti e timorosi). Ecco quello che ci ha risposto.

Al momento siete fermi in Austria, giusto? Siamo stati in Austria per tutto il periodo in cui gran parte dell’Europa si è trovata in lockdown. Non appena i confini riapriranno definitivamente e noi potremo riprendere il nostro viaggio in sicurezza, ci rimetteremo in strada.

Come avete trascorso questo periodo di pandemia? Siamo stati fermi a lungo in un piccolo paese austriaco chiamato Gmunden. Durante gli scorsi mesi, la cosa principale è stata rimanere in casa, così ci siamo tenuti impegnati realizzando un castello di cartone per Nala, giocando ai videogame e guardando i nostri film preferiti. Gmunden è in una bella zona, circondata da alte montagne e ci sono diversi laghi nelle vicinanze. Con l’arrivo della primavera, siamo riusciti a uscire un po’ di più, per esplorare la campagna circostante nelle belle giornate.

Hai intenzione di continuare il viaggio? E’ difficile fare previsioni in merito ai nostri viaggi futuri, dato che i vari paesi continuano a entrare e a uscire dai lockdown e non è facile fare programmi, ma se tutto va per il verso giusto con le riaperture, allora cominceremo a viaggiare verso la Russia e poi attraverso l’Asia. Il mio obiettivo è sempre stato arrivare fino in Thailandia. Se invece la possibilità di viaggiare rimane incerta, allora potremmo pedalare in giù verso la Grecia, perché so che lì ci sono molti rifugi per animali che potrebbero avere bisogno del nostro aiuto.

La cosa più bella è vedere i volti delle persone che si illuminando quando mi vedono pedalare insieme a Nala. La gente non vede l'ora di fermarci per dare a Nala una carezza. Lei riceve le coccole e io spesso rimedio una birra, cosa che non è niente male...

Quali difficoltà hai dovuto affrontare viaggiando con un gatto – la tua Nala – e come le hai superate? La cosa più importante è stata di essere certo che Nala fosse a suo agio e felice. Ha un piccolo parasole per le giornate molto soleggiate, anche se comunque cerchiamo di non pedalare durante le ore più calde del giorno. Per quando piove ha un trasportino impermeabile. La bicicletta è in continuo adattamento ai nostri bisogni. Il cestino di Nala è diventato sempre più grande man mano che lei cresceva; le mie cose si sono ridotte mentre la collezione di giochini di Nala si è allargata.

Alla luce della tua esperienza, c’è qualche consiglio che vorresti dare ai cicloviaggiatori? All’inizio del viaggio in bici foravo costantemente. Era diventato persino una scommessa ricorrente sul mio profilo instagram quanto sarebbe resistita la gomma prima di bucarsi di nuovo! Per questo, se state pensando di percorrere lunghe distanze o comunque usare la bici regolarmente, assicuratevi di avere dei buoni pneumatici, dal momento che rendono la vita molto più facile! L’azienda Schwalbe ha visto le foto su instagram e generosamente mi ha inviato nuovi copertoni che sono stati un gran sollievo. Un’altra cosa fondamentale è far controllare la propria bici regolarmente: quando so che mi fermerò nello stesso posto per almeno un paio di giorni, porto sempre la mia bici da un meccanico del posto per assicurarmi che tutto sia a posto. Facciamo così tanto affidamento sulla bici che dobbiamo sempre essere certi che questa sia sicura sia per me che per Nala.

Quali sono i momenti del viaggio che preferisci? Penso che le migliori pedalate siano quando il tempo è bello, il sole splende e io ho la mia musica preferita cge suona dalle casse. Così è stato anche il giorno in cui Nala arrivò nella mia vita.

Cos’è diventata Nala per te dopo tutte queste avventure e come ha cambiato la tua vita? Il cambiamento più bello da quando Nala è salita a bordo è vedere i volti delle persone che si illuminano quando attraversiamo le strae pedalando. E’ così insolito vedere un gatto su una bici, che la gente non vede l’ora di fermarci e dirci ciao e dare a Nala una carezza. Lei spesso riceve il suo trattamento di coccole, mentre io rimedio anche un tè o una birra, cosa che non è niente male. Adoro conoscere persone e ascoltare le loro storie. Abbiamo incontrato così tante persone straordinarie lungo il nostro percorso a abbiamo fatto tante amicizie che continueranno nel tempo.

1/12

Il racconto della storia e la raccolta di tutte le più belle immagini, si può trovare nel libro "In viaggio con Nala" edito da Sperling & Kupfer. 

Per seguire i giri di Dean e Nala su Komoot: clicca qui.

Per la pagina facebook di 1bike1world: clicca qui.

Per la pagina instagram di 1bike1world: clicca qui.

Per conoscere meglio le iniziative benefiche di Dean: clicca qui.

Per la pagina youtube con alcuni video incredibili di pedalata e anche di un volo su un piccolo aeroplano insieme a Nala: clicca qui.

Per maggiori informazioni sul libro edito da Sperling & Kupfer: clicca qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA