01 novembre 2019

Toscana Terra di Ciclismo negli scatti di Valerio Pagni

Le capacità artistiche di un fotografo toscano DOC, Valerio Pagni, ci offrono un migliaio di immagini per raccontare la storia di uno sport e di una terra, la Toscana, che ne rappresenta una delle culle più floride. Un libro che sa come colpire il cuore di ogni appassionato

La copertina del libro fotografico "Toscana Terra di Ciclismo"

1 di 3
Valerio Pagni con il libro

Valerio Pagni, livornese classe 1971, è cresciuto con due passioni: la fotografia e il ciclismo. Può quindi ritenersi un uomo fortunato, essendo riuscito a far coincidere e realizzare i propri desideri. Scoprì la fotografia a 11 anni, quando il babbo pescatore trovò sugli scogli una Canon AV-1. Dal 1998 è iscritto alla FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) e ha preso parte a numerosi concorsi e mostre, ricevendo consensi e riconoscimenti. Nel 2013 ha ottenuto l’onorificenza AFI (Artista Fotografo Italiano) e nel 2016 quella AFIAP (Artiste de la Federation Internationale de l’Art Photographique).

La cura maniacale che usa nel raccontare visivamente le corse è riproposta fedelmente nella sua ultima fatica, Toscana Terra di Ciclismo (Tagete Edizioni, 2018). “Praticamente tutte le foto del volume sono opera mia – tranne circa una decina, gentile concessione di amici colleghi”, dice Valerio. “Ne era uscita una prima edizione un paio di anni fa, ma questo restyling mi soddisfa di più per la maggiore completezza e scelta degli scatti”.

La copertina del libro fotografico "Toscana Terra di Ciclismo"

Un migliaio di immagini per raccontare la storia di uno sport e di una terra, la Toscana, che ne rappresenta una delle culle più floride. Un racconto completo che non tralascia nulla e punta dritto al cuore di ogni appassionato: dai personaggi del passato a quelli più recenti, dalle vittorie dei professionisti fino a quelle dei ragazzini desiderosi e speranzosi di costruirsi un posto al sole all'insegna delle due ruote. Momenti di gioia immortalati con maestria, così come attimi di fatica e sacrificio che rimangono bene impressi in una foto. Tutte emozioni che Valerio Pagni ha voluto trasmetterci con schiettezza e semplicità.

Protagonista principale degli scatti è l'ultima decade di ciclismo toscano, anche se la prima parte del volume è dedicata alla memoria. Qui, regnano sovrani personaggi ora scomparsi ma indimenticabili come Alfredo Martini, Gino Bartali, Franco Ballerini, Michele Scarponi e molti altri. Poi si passa all'azione e alle gare, coi protagonisti ordinati per categoria crescente fino ai Professionisti. Non mancano infine gli appuntamenti che rievocano nostalgia per i tempi passati, rappresentati dalle ciclostoriche: L'Eroica, Intrepida, Vinaria ed Etrusca, che consentono a migliaia di appassionati di rivivere emozioni di un ciclismo ormai sopito.

Una storica corsa per Under23, il GP Sportivi Poggio alla Cavalla di Lamporecchio (Pt) – qui edizione 2018

Un volume che offre la possibilità di rivivere le principali corse del calendario professionistico toscano, come le Strade Bianche, il Giro di Toscana, i Gran Premi di Larciano, di Prato o il Costa degli Etruschi; gli speciali sui Mondiali di Firenze 2013 e sul Giro d'Italia numero 100; la festa di Vincenzo Nibali dopo la conquista del Tour de France nel 2014.

Ma anche un’occasione per scoprire corse proprie della tradizione giovanile che hanno permesso a molti ragazzi prima di affacciarsi e poi di affermarsi nel ciclismo vero – ricordiamo Vincenzo Nibali, Giovanni Visconti, Michele Bartoli, Mario Cipollini, Andrea Tafi, Paolo Bettini, Diego Ulissi, Mark Cavendish, Fabiana Luperini. Dalla categoria Giovanissimi agli Under23, in un escursus che ricorda anche classiche del passato che purtroppo ora non si svolgono più.

Toscana Terra di Ciclismo è edito da Tagete Edizioni e si può trovare in libreria o sulle principali piattaforme online ad un prezzo indicativo di 25 Euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA