04 February 2012

Un passo avanti!

Il nuovo Sram Red è silenzioso e velocissimo e il deragliatore…

Un passo avanti!

Un gruppo di lavoro grande, attenzione per i dettagli e il risultato si è visto. Lo abbiamo utilizzato circa 200 km il nuovo Red e dobbiamo ammettere che funziona molto bene. Purtroppo il clima di Maiorca non ci ha aiutato granché, anche sull’isola fa freddo, ma due uscite medio lunghe possono già sufficienti per dare un primo giudizio. Le leve hanno più grip e sono più morbide del Red 2011 (così è stato denominato dall’azienda stessa). Il Double tap, con i cavi Gore, è morbidissimo: la discesa delle velocità è super veloce, la salita altrettanto. La deragliata anteriore è migliorata tantissimo, è precisa e ha solo due movimenti, il terzo trim è stato eliminato. Ma la cosa più interessante riguarda il montaggio, che è stato semplificato all’inverosimile per eliminare tutti i problemi di compatibilità che si potevano imputare all’edizione 2011. Sul parallelogramma sono incisi tre punti che fanno da riferimento nella fase di installazione per determinare il “primo step”, fatto quello tutti gli altri sono una conseguenza. La deragliata è veloce e precisa e non ha incertezze, un bel vantaggio quando la pressione della gara (o dell’allenamento tirato) possono creare problemi di funzionamento. Anche la cassetta posteriore ha fatto passi in avanti da gigante. Tra un pignone e l’altro c’è un elastomero che attutisce le vibrazioni e migliora il comfort e la scorrevolezza della cambiata. I difetti del vecchio Power dome sembrano un lontano ricordo. In più, e non è poco, il tappo di chiusura è stato fresato per eliminare i rumori. I freni sono all’altezza del gruppo, ma, detto sinceramente, è molto difficile dire se funzionano meglio o peggio dei precedenti. A noi sono sembrati ottimi come buona parte dei freni sul mercato. Discorso diverso quando saranno pronti quelli con sistema idraulico, standard oppure con dischi (si parla del 2013). Allora sì che si potranno fare valutazioni molto più importanti. Il prezzo? Facendo la somma pura del prezzo di tutti gli elementi (standard dei vari Bb a parte) si arriva a circa 2.200 euro. Il reportage completo sul fascicolo di Ciclismo di marzo 2012.

© RIPRODUZIONE RISERVATA