Viaggio a Lanzarote: l'imperdibile tour in bici dell'isola La Graciosa

Un'isola selvaggia e incontaminata, perfetta da esplorare in bici per raggiungere i punti panoramici e le bellissime spiagge dove concedersi un bagno rigenerante. Un modo per vivere una giornata unica in mezzo alla natura durante il viaggio alle Canarie.

Tutte le foto della pagina sono di Valeria Fermi

Se sei a Lanzarote, l'isola nord orientale dell'arcipelago delle Canarie, non puoi assolutamente perdere il tour in bici sull'isola La Graciosa. Un'isola selvaggia da attraversare su strade sterrate e sabbiose che costeggiano i due vulcani più alti la Aguja grande (256mt) e la Montaña del Mojon (188mt) affacciandosi su spiagge bianche dal mare cristallino. La pedalata sull'isola selvaggia, libera da aree attrezzate e contornata da vulcani è un'esperienza unica dove riassaporare una forte sensazione di libertà. L'escursione è alla portata di tutti. L'isola è piccola e attraversabile completamente in massimo un'ora di pedalata. Nel suo picco più a nord, proprio dietro la Playa de Las Conchas si erge la M.na Bermeja, che con i suoi 157mt consente dopo una ripida ma breve salita a piedi di godere del panorama dell'isola a 360 gradi.

La nostra escursione è in una giornata soleggiata di fine novembre con una temperatura di 22/25 gradi. Il vento e le nuvole ci hanno accompagnato per tutto il giorno rendendo il clima fresco e gradevole durante la pedalata. Siamo partiti presto la mattina per raggiungere il porto di Orzola dove due compagnie marittime effettuano l'attraversata per la Caleta del Sebo in soli trenta minuti. Il porto è ben fornito di caffetterie, bar, supermercati e negozi dove noleggiare le bici. Il costo delle bici è pari a 20€/giorno per le bici normali e 35€ per quelle a pedalata assistita, comprensivo di assicurazione e assistenza in caso di necessità. Nel nostro caso abbiamo scelto la pedalata assistita, ma la classica mountain bike sarebbe andata benissimo. Prima di partire è consigliato fare scorta di acqua e viveri al porto perché tutta l'isola ne è completamente sprovvista. Finalmente si parte, caschetto, bici e via sulle sue strade polverose. La Playa de Las Conchas dista solo 5km dal porto. La strada panoramica che ne attraversa l'isola ha un leggero dislivello ma è facilmente percorribile. Le bici si lasciano libere da catena in appositi portabici in legno in prossimità della spiaggia. Nelle spiaggie a nord non è consigliato fare il bagno per la presenza di forti correnti e onde alte ma lo spettacolo è incantevole. Ci rinfreschiamo a riva prima di salire sul vulcano Mna Bermeja, dove in soli 20 minuti ne raggiungiamo il picco per una vista mozzafiato.

1/4

Purtroppo la strada verso Playa dell'Ambar è chiusa. Ci dirigiamo così verso le spiaggie balneabili di Playa Francesca e Playa della Cocina. Ripercorriamo la strada centrale e ci dirigiamo verso le due spiaggie dove tuttavia la sabbia rende non percorribile l'ultimo tratto in bici. Dalla rastrelliera a Playa Francesca camminiamo per circa 30 minuti lungo mare. L'isola è completamente brulla e priva di alberature e ombreggiature. Il mese di novembre è perfetto per non soffrirne il caldo. Se volete girare tutta l'isola concedendovi la giusta pausa per un bagno, riservate il traghetto di rientro alle ore 18, orario del tramonto. Personalmente trovo la Graciosa la cosa più bella da non perdere a Lanzarote.

© RIPRODUZIONE RISERVATA