Video: Tom Oehler in mtb sulle vette delle Dolomiti, tra ferrate e sentieri a strapiombo

"No room for mistakes", senza possibilità di errore. Il biker austriaco Tom Oehler, detentore di due Guinnes World Record, si è cimentato in percorsi mozzafiato partendo dalla cima delle Dolomiti italiane. Ecco il video che racconta la sua esperienza.

1/11

Foto Lukas Pilz / Red Bull Content Pool

Foto Lukas Pilz / Red Bull Content Pool

Sentieri larghi mezzo metro con un lato a strapiombo, circondati dalle spettacolari cattedrali di roccia delle Dolomiti. Per realizzare le riprese il moutain biker austriaco Tohm Oehler ha dovuto percorrere su e giù vie ferrate, infilarsi in passaggi rocciosi di poche decine di centimetri e inerpicarsi con la bici in spalla come fosse uno zaino da trekking. Detentore di due guinnes world record, Oehel ha voluto cimentarsi su percorsi normalmente battuti solo da escursionisti e alpinisti. Il video si apre con un'alba ai 3152 metri di quota del Piz Boè, nel comune di Canazei, in Trentino "Salire fin su al rifugio da cui abbiamo iniziato a girare è piuttosto insolito - ha spiegato l'atleta professionista, riferendosi alla "Capanna Piz Fassa" - E' un luogo insolito per portare la bicicletta, perché è proprio sulla cima della montagna. Di solito i rifugi sono un po' più in basso, ma qui siamo saliti su in cima per avere una vista spettacolare. E' stato uno dei motivi per cui abbiamo scelto di andare lì, perché era così alto". Da lì la troupe ha poi girato diverse location in cerca dei tratti più belli ed esposti, dove non c'era margine di errore. "Amo ogni genere di mountain biking - continua Oehler - ma i riding alpini sono i miei preferiti. Ho un solido background da trial, così quando mi sono lanciato sulla scena della mountain bike sapevo che con la mia tecnica avrei potuto percorrere molti sentieri che sarebbero stati impegnativi per riders con un trascorso diverso". In questo caso, come ha raccontato l'austriaco, al di là dei sentieri dolomitici e del pericolo derivante dall'esposizione, tra gli aspetti che hanno complicato le cose ci sono stati il fatto di non riuscire a riposare bene a 3000 metri di altitudine e le tante persone incontrate lungo i sentieri, dato che nell'agosto dell'anno scorso, quando le foto e le riprese sono state effettuate, le montagne erano molto frequentate. Ma sorprendentemente la risposta degli escursionisti italiani di fronte a un biker così ardito è stata positiva: "Di solito, quando porti la bici sui sentieri d'alta montagna in Austria, la gente non è felice di vederti perché si suppone che sia un sentiero da fare a piedi. Quando fai la stessa cosa in Italia, ne vanno pazzi, lo adornao. Si fermavano e ci guardavano. Sono abituato alle dimostrazioni di bike trail con un grande pubblico, ma quando faccio riding alpino mi piacerebbe stare da solo, quindi è stato un po' strano vedere 20-25 persone che stavano lì a vedermi, per poi applaudire appena finivo la sezione".

Thomas Oehler, 37 anni, ha iniziato a gareggiare nel 1997 e la sua prima apparizione internazionale è stata l'anno successivo, a 15 anni, diventando poi campione austriaco due anni dopo. Un titolo che successivamente otterrà per altre cinque volte. Nel 1999 si è classificato sesto ai Campionati del Mondo UCI, mentre nel 2006 ha vinto il titolo di Campione Europeo Indoor. Risale al 2008 la sua memorabile performance di bike trial in Kuwait, nel quale saltava sui tetti dei camion in attesa a un semaforo rosso. In quell'anno ha anche conquistato il titolo di campione del mondo. Nel giro di pochi mesi, Tom è riuscito anche a stabilire un nuovo Guinnes World Reccord, durante l'evento Bike Infection a Kaprun, in Austia. Davanti a circa 800 spettatori, Oehler ha battuto il precedente record di salto in alto con la bici di 2,85 m, stabilendo un nuovo record di 3 m esatti, e ritagliandosi fama tra i migliori piloti di trial al mondo. Battere il record gli sarà piaciuto particolarmente, dato che nel 2013 ha infranto anche quello dei 400m ostacoli in bicicletta, con 44.62 secondi, durante la sfida contro il runner campione olimpico Felix Sanchez (anche se Tom aveva buttato giù diversi ostacoli).

Per vedere altri tricks dell'atleta austriaco, qui sotto un video del 2014, in uno scenario completamente diverso dalle Dolomiti: un video girato a New York.

© RIPRODUZIONE RISERVATA