A Eicma, Italmoto porta una “moto” a pedali

All’Esposizione di Milano, attualmente in corso, la Maison di Caserta ha presentato la versione definitiva della Trionfale, un’e-bike all round di chiara derivazione motociclistica

Poiché da diversi anni l’Eicma è diventata una rassegna dedicata alle moto, per gli appassionati di ciclismo (per i quali un tempo era semplicemente il “Salone del Ciclo”) l’attuale Esposizione internazionale delle Due Ruote (adesso si chiama così ed è molto più aderente alla realtà del precedente “Esposizione internazionale Ciclo Motociclo e Accessori”, che permane solo nell’acronimo) riserva il contentino del segmento e-bike, che porta sempre nella vetrina di Fiera Milano qualche interessante proposta.

Nell’edizione attualmente in corso, la pedalata assistita sembra veder nascere un nuovo trend, certamente incoraggiato dal comparto (quello delle moto) che lo ha sviluppato. Fatto sta che diversi produttori si sono cimentati in un’ardita - e, solo a volte, riuscita - contaminazione tra moto e bici elettrica e in parecchi Stand faceva bella mostra di sé una “motobici” (o una “bicimoto”) dalle chiare fattezze (nel design, nel telaio, nella gommatura, nella forcella, nelle sospensioni) motociclistiche, salvo poi notare come la presenza dei pedali indicasse chiaramente quali fossero i veri “pistoni” del motore.

A fronte di alcune soluzioni esposte davvero inguardabili, uno tra gli esperimenti meglio riusciti, sia come concept, sia come realizzazione, sia, soprattutto, come guidabilità, è stato proposto dalla casertana Italmoto, che ha portato a Eicma 2023 la versione definitiva della sua e-bike Trionfale.

Progettato principalmente per la mobilità urbana in totale sicurezza, questo modello presenta un evidente richiamo al design anni Cinquanta, tra il vintage e il retrò. Il telaio a traliccio a culla, in alluminio, di palese derivazione motociclistica, ospita una batteria da 36 o 48 V (a seconda della configurazione) e 14,5 Ah, completamente ricaricabile in 4/6 ore e con un’autonomia indicativa di 80 km (in dipendenza, ovviamente, del livello di assistenza scelto, del peso trasportato e del profilo altimetrico).

Equipaggiata con il potente e agile Brushless Bafang, Trionfale è disponibile in tre motorizzazioni, alloggiate nel mozzo posteriore: 250 W, 500 W e 750 W, in grado di raggiungere, rispettivamente, i 25, i 40 e i 60 km/h, ovviamente limitati a 25 per il mercato europeo.

I tre modelli portano a corredo una trasmissione a 7 rapporti con cambio Shimano Altus, azionato mediante le classiche due levette (no RevoShift, quindi) montate sotto la manopola destra del manubrio.

L’e-bike è una full, con forcella idraulica regolabile e triangolo posteriore in cui i due ammortizzatori sono portanti e sostituiscono i foderi superiori: più moto di così... Le ruote sono Fat da 24 pollici, una soluzione che assicura la miglior aderenza e stabilità anche in condizione di fondi stradali non uniformi, come, ad esempio, il pavé cittadino, le rotaie del tram o la sentieristica fuoristrada.

1/2

Altre caratteristiche di chiara provenienza moto sono date dal generoso faro anteriore a led che garantisce la massima visibilità anche di notte, e dalla comoda sella biposto, in grado di accogliere anche un passeggero che, a sua volta, può contare pure sulle pratiche pedanine posteriori.

In evidenza anche le numerazioni 25, 50 e 75 che identificano la motorizzazione del veicolo, oltre ai due parafanghi anteriore e posteriore molto utili in caso di pioggia o pozzanghere, oppure nei tragitti off-road.

1/2

Allo Stand Italmoto è stata allestita una piccola officina per mostrare la Trionfale “ridotta ai minimi termini”: ecco tutte le parti dell’e-bike.

Disponibile in tre (al momento) referenze colore (nero, giallo e arancione), la Trionfale sarà presto in vendita sullo store Italmoto al prezzo di 2.699,00 euro per la versione da 250 W, 2.999,00 euro (la 500 W) e 3.200,00 euro (la 750 W).

La versione top della Trionfale di Italmoto, con motore Brushless Bafang da 750 W.

A margine, va detto che la Trionfale esiste anche in una versione più estrema, al momento però solo come concept: la Trionfale Flat Track perde faro, cavalletto, padane passeggero e parafango posteriore, a fronte di ruote stradali, sella monoposto, parafango anteriore accorciato e una power train sperimentale da ben 1500 W, su telaio in composito.

Una evoluzione più “cattiva” della Trionfale, la Flat Track. Al momento, è solamente un concept.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News
Il Turismo

Cervinia Snow Bike Show: sembrava una cosa da pazzi! - episodio tre

17 May 2024

Cervinia Snow Bike Show: sembrava una cosa da pazzi! - Episodio due

07 May 2024

Cervinia Snow Bike Show: sembrava una cosa da pazzi! - Episodio uno

03 May 2024

Trilogia dell'Avana - Episodio 3

27 April 2024

Trilogia dell'Avana - Episodio 2

18 April 2024

Tester Day Festival: vi aspettiamo sabato e domenica per prove, tour, contest, corsi... Tutto gratuito! È il primo ritrovo della community di Ciclismo.it

04 April 2024

Trilogia dell'Avana - Episodio 1

27 March 2024

Rifugio Venini, la Norvegia a 90 km da Milano - Episodio Tre

19 March 2024

Alpi Francesi: 4 giorni fra bici, sci, mountain kart e snow kite

16 March 2024

Vacanze in bici: il Club del Sole riserva uno sconto del 10% alla community di Ciclismo.it

01 March 2024

Tutto Salute