Muore a 16 anni dopo una caduta dalla mtb mentre era in gita scolastica

La tragedia è accaduta in Trentino: il giovane, residente in provincia di Milano, avrebbe perso il controllo della mountain bike battendo la testa. Inutili i tentativi di salvarlo per quattro giorni nella terapia intensiva dell'ospedale. Le testimonianze dei compagni saranno importanti per ricostruire le cause dell'incidente.

Il sedicenne è stato trasportato in ospedale con l'elisoccorso (Foto repertorio, fonte Soccorso Alpino Trentino)

Doveva essere un viaggio scolastico spensierato in montagna, invece si è trasformato in tragedia. Un ragazzo di 16 anni è morto per le ferite riportate in seguito a una caduta dalla bicicletta durante un’escursione con i compagni di classe. A quanto riportato dalla stampa, il giovane, residente a Corsico in provincia di Milano, frequentava un istituto professionale di Buccinasco e si trovava in gita di classe in Val di Fassa. Venerdì scorso, dopo aver noleggiato le mountain bike, i ragazzi si erano diretti da Canazei a Moena per un’escursione in giornata. Per cause ancora da accertare, il sedicenne ha perso il controllo della bici mentre stava percorrendo la pista ciclabile delle Dolomiti di Fiemme e della Val di Fassa nei pressi del parco di Pera di Fassa. Nella caduta ha picchiato violentemente il capo e le sue condizioni sono apparse subito gravi. Sempre a quanto riportato dalla stampa, non è chiaro se indossasse il casco. Il giovane è stato soccorso dall’ambulanza e poi trasportato in elicottero all’ospedale Santa Chiara di Trento, dove è morto dopo quattro giorni di terapia intensiva. Sul corpo del ragazzo è stata disposta l’autopsia per accertare meglio le cause dell’incidente e se possa essersi trattato di un malore. Intanto la mountain bike sulla quale viaggiava è stata sequestrata dai carabinieri di Vigo di Fassa, mentre la procura avrebbe aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA