di Fulvia Camisa - 19 May 2015

Neox, nata elettrica

Abbiamo testato la Crosser di Neox. Una vera rivoluzione

Neox, nata elettrica

Abbiamo provato una bici elettrica rivoluzionaria. Siamo stati invitati a una pedalata nei pressi di Bardolino, sul lago di Garda, per scoprire questo nuovo concetto di bici a pedalata assistita. Il progetto è stato ideato da Neox (brand di Siral, clicca qui), azienda nata cinque anni fa con sede a Recoaro Terme (Vi) specializzata in tecnologica ecosostenibile. Il claim è azzeccato e dice già tanto: “nata elettrica”.

 

Tre modelli: crosser, sporter e urban

Ogni bici è realizzata senza ricorrere a “protesi” fornite da altre aziende ed è stata pensata, progettata e prodotta in Italia. Abbiamo testato il top di gamma Crosser (con forcella ammortizzata), mentre la linea è completata dai modelli Sporter e Urban. Il progetto: si basa su quattro brevetti che riguardano il cambio, il sistema di innesto, il sensore di coppia e la posizione di folle (ebbene sì, è possibile mettere in “folle”).

Se la prima cosa che salta all’occhio è il design: minimal e raffinato. L’estetica è pulita e il merito va alla scelta di nascondere motorino e cambio in un unico monobraccio. Non passa inosservato il carro posteriore, molto funzionale: la ruota si toglie in un attimo, la catena resta agganciata al telaio (molto rapido anche smontare la ruota anteriore e caricare la bici in auto).

 

Togliere la ruota posteriore

Davvero una bella comodità, la ruota posteriore si toglie molto rapidamente e senza sporcarsi le mani. La trasmissione è “nascosta” all’interno della struttura. I freni idraulici sono ben calibrati, basta toccarli per avere una frenata affidabile (li abbiamo testati lungo una discesa ripida affrontata inaspettatamente), mentre la cambiata è effettuabile in qualsiasi condizione di pedalata. È senz’altro differente rispetto a quella delle e-bike presenti sul mercato. Si tratta di prenderci la mano, una sola escursione su percorso misto basta per apprezzarne appieno l’unicità.

 

La novità del cambio elettronico sequenziale rotativo

Il cambio è elettronico sequenziale rotativo. Il sistema è direttamente integrato nel motore di assistenza. È l’unico presente sul mercato che ha un movimento rotatorio, ecco la rivoluzione. Così si evitano i movimenti trasversali dei cambi tradizionali e gli effetti si traducono in fluidità nel cambio di rapporti. Soprattutto in salita, non si percepisce alcun effetto di “strappo” o di “spinta” (il sistema è monitorato in modo costante da un sensore di sforzo con rilevazione di coppia tra gli ingranaggi primari e secondari). 

 

Il doppio antifurto

Un’altra particolarità che abbiamo sperimentato è l’antifurto, attivabile tramite codice pin. Basta spegnere il display e si blocca il sistema: l’e-bike va in folle ed è inutilizzabile (le pedivelle girano “a vuoto”, in senso orario e antiorario senza trasmettere il moto alla ruota posteriore) se non si conosce la sequenza di numeri (se la si dimentica ci si rivolge al negozio e, per sbloccarla, si forniscono i dati di registrazione per dimostrare di esserne i legittimi proprietari). A questo sistema si aggiunge quello tradizionale, con la chiave sul tubo orizzontale che permette di bloccare il mozzo posteriore.

 

La batteria integrata ed estraibile

La batteria è agli ioni di litio con celle Samsung (integrata ed estraibile). La Neox 36 Volt 10,5 Ah (375 W/H) ha un’autonomia fera gli 80 e i 100 chilometri, dipende ovviamente dal tipo di percorso e dall’assistenza che si sceglie. I comandi cambio sono elettrici con microswitch sul manubrio, si dispone di otto rapporti sequenziali.

Un appunto estetico sui freni, i dettagli rossi fanno pensare ai bolidi a quattro ruote e rendono bene l’idea sulla vocazione “di classe” di questa bici. E uno sul funzionamento: basta cambiare l’olio ogni 5.000 chilometri circa e non serve altra manutenzione (col fatto che la catena è “nascosta” e ben protetta). 

 

Scheda tecnica

Telaio Neox in alluminio idroformato

Colore Nero Mat, bianco e giallo

Tubo reggisella Neox L.300 Nero Mat

Freni idraulici Drako Rosso

Cerchi Neox in alluminio 26” nero

Manubrio Neox 101 BT in alluminio Nero Mat

Attacco manubrio Neox regolabile Nero Mat

Forcella anteriore Suntour SF 13 Epicon in magnesio

Pneumatici Artiglio Geax Saguaro (26x2,00)

Pneumatici Artiglio Kenda K831A (26x2,10)

Cambio Neox F8.11 elettrico con inserimento rotativo

Comandi cambio elettrici con microswitch sul manubrio

Rapporti 8 sequenziali

Motore Neox FL80S 36 V 500 Watts limitato a 250 Watts

Sensore di sforzo tecnologia Neox a rilevazione di coppia tra ingranaggi

Batteria Neox 36 Volt 10,5 Ah (375 W/H) agli ioni di litio con celle Samsung integrata estraibile

Display Neox 3,5" Lcd con retroilluminazione e pulsanti multifunzione

Antifurto Neox key meccanico con chiave per bloccaggio totale del mozzo posteriore

Antifurto Neox pin elettromeccanico con attivazione movimenti tramite codice pin personale

Autonomia 80/100 Km (in funzione dell’assistenza e del tipo di percorso)

Peso 22 kg

Velocità assistita Massima 25 km/h

Prezzo Crosser: 4.900 euro

www.myneox.it

 

Questa bici è progettata per un’ampia tipologia di spostamenti:  per la città come per percorsi lunghi, magari con sterrati e pendenze impegnative. Le impugnature del manubrio sono di quelle comode, coi polsi in posizione di riposo (ci sono varianti opzionali anche per la sella).

© RIPRODUZIONE RISERVATA