Troppi ciclisti morti sulle strade. nasce l'osservatorio della polizia

Un Osservatorio Ciclisti, che fornirà aggiornamenti mensili sui decessi, attraverso gli incidenti rilevati dalle forze di polizia.

Un Osservatorio Ciclisti, che fornirà aggiornamenti mensili sui decessi, attraverso gli incidenti rilevati dalle forze di polizia. A lanciarlo è l'Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale (ASAPS).

Il numero di deceduti tra i ciclisti è notevolmente salito nel 2019 (253) rispetto al 2018 (219). Dal primo al 31 gennaio 2021 sono morti in Italia 14 ciclisti, di cui 13 uomini e 1 donna, 11 cittadini italiani e 3 stranieri: un dato in aumento rispetto al gennaio 2020, quando furono 10, e dello stesso mese del 2018, con 12 morti. L'emergenza Coronavirus e l'introduzione delle limitazioni alla mobilità non hanno avuto particolare effetti sui ciclisti. Inoltre, resta fortissima la pirateria stradale. Sono stati registrati due episodi con fuga degli autori del sinistro e le vittime lasciate sul posto. Da inizio anno si sono registrati tre sinistri mortali con mezzi elettrici, una bicicletta, un triciclo elettrico e un deambulatore elettrico. Sui 14 ciclisti morti a gennaio, gli ultra 60enni sono stati 8.


© RIPRODUZIONE RISERVATA