Cicloturismo, sorprendente la ciclovia dei parchi della Calabria

Un percorso unico e affascinante. Una ciclovia lunga 545 chilometri che collega i luoghi più suggestivi della Calabria.

1/12

Ciclovia dei Parchi della Calabria (Foto Paolo Ciaberta)

Se vi proponiamo di andare a pedalare in Calabria cosa rispondereste? “Calabria?!?”. Già in Calabria, perché forse ancora non sapete che lungo la dorsale di questa regione abbracciata da due mari, è nata una delle ciclovie più lunghe e più affascinanti d’Italia: la Ciclovia dei Parchi della Calabria. Frutto del lavoro di anni e della passione di persone lungimiranti, questo itinerario si estende per 545 km unendo ben 4 parchi regionali da Nord a Sud della regione (il Pollino, la Sila, la Serre e l’Aspromonte, e oltre sessanta fra centri abitati, frazioni, borghi, paesi, espressione di straordinaria bellezza diffusa e che svela l’anima della Calabria, una meravigliosa terra sospesa tra mare e cielo.

Per chi è abituato a pensare alla Calabria delle spiagge, del turismo balneare, la Ciclovia dei Parchi della Calabria rappresenta qualcosa di assolutamente nuovo e unico. Qui non si è realizzato una pista ciclabile, ma si è semplicemente unito i percorso che collegano borghi e valli dell’entroterra. Luoghi di immenso splendore, spesso incontaminati, che rappresentano l’altra faccia della Calabria. Un’occasione unica per un turismo sostenibile e altamente culturale. Perché pedalando si frequentano luoghi estranei al turismo di massa, e ancora impregnati di tradizioni, di accoglienza genuina e di tanti prodotti tipici (che per un ciclista non sono mai un male).

Un cortometraggio per cominciare a gustarla

Per raccontare questo affascinante itinerario è stato realizzato un cortometraggio, della durata di 15 minuti, dal titolo “I predatori della ciclovia perduta: missione Calabria", realizzato con la collaborazione di esperti cicloturisti e cicloturiste che hanno viaggiato sulle vie della Calabria alla scoperta del territorio, del suo patrimonio culturale ed enogastronomico: l'ultra cyclist Paola Gianotti, detentrice di 4 Guinness World Record, il cicloturista, regista e videomaker Sergio Borroni, che ha passato i confini di oltre 100 Paesi in più di 50 viaggi, e i fondatori di Bikeitalia Pinar e Paolo Pinzuti. Il risultato è un video che mostra come la Ciclovia sia una destinazione ideale per chi cerca un percorso immerso nella natura e non teme i dislivelli, cerca avventura senza rinunciare al buon cibo, alla cultura e all’incontro con il territorio.

Ciclovia dei Parchi della Calabria (Foto Paolo Ciaberta)

Appena nato ed è già un itinerario da Oscar

La ciclovia è stata presentata a Milano in occasione della Settimana Europea della Mobilità. “Da sempre la Regione Calabria ha guardato al mare per le politiche turistiche – ha spiegato ai presenti Giovanni Aramini, dirigente del settore Parchi ed aree naturali della Regione Calabria e responsabile per la Regione Calabria del progetto Ciclovia Parchi della Calabria -, ma è solo il 10% del territorio regionale mentre il restante 90% merita di essere scoperto. La Regione Calabria è la regione dei parchi, il 30% della biodiversità d’Europa è in questo pezzo di terra. La mobilità lenta è il modo migliore per scoprirlo: c’è la natura, ci sono i borghi spopolati, ma che possono raccontare molto, e c’è l’autenticità calabrese”.

Alla Ciclovia dei Parchi della Calabria è stato assegnato l’Oscar italiano del Cicloturismo 2021, il prestigioso riconoscimento che ogni anno porta sotto i riflettori alcuni dei progetti cicloturistici più interessanti d’Italia.

Le tracce e le informazioni dettagliate per organizzare il prossimo viaggio in Calabria sono sul sito ufficiale della ciclovia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA