Ciclovia del Sole: un piano per promuoverla e far crescere l'economia

Il tratto ciclabile da Mirandola a Sala Bolognese è stato inaugurato di recente, ma ora bisogna anche far crescere e vivere il territorio sviluppandone servizi, comunicazione e alimentando l'imprenditoria locale.

"Fatta l'Italia ora bisogna fare gli italiani" disse il patriota Massimo D'Azeglio dopo l'Unità nazionale. Con le dovute proporzioni, si potrebbe dire che fatta la ciclovia del Sole, c'è da creare un indotto per far sviluppare il territorio. Le amministrazioni locali coinvolte nel passaggio della ciclabile lungo l'asse emiliano del percorso, quello da Bologna a Modena, stanno programmando una serie di azioni specifiche per valorizzare l'itinerario.

Non solo la realizzazione di piccole ciclabili comunali di collegamento, ma anche azioni di qualificazione dell'imprenditoria locale, con lo sviluppo di nuovi servizi. Si vuole cioè dare uno slancio al tessuto economico che ruota attorno alla ciclovia, innanzi tutto organizzando seminari e incontri formativi che possano aiutare l'innovazione e le nuove proposte. Queste azioni sono previste dal progetto di comunicazione e commercializazione del tratto Mirandola-Sala Bolognese, inaugurato di recente, per il quale la Città metropolitana di Bologna ha confermato lo stanziamento di più di 15 mila euro all'anno al Comune di San Giovanni in Persiceto, l'ente capofila per l'attuazione degli obiettivi. Oltre ai seminari, per cercare di dare nuova linfa all'economia, saranno anche sostenute le attività legate al merchandising e alla gestione della carta dei servizi. Inoltre verrà anche attivato un coordinamento interregionale per allineare la promozione del tratto emiliano e romagnolo a quello dell'intera tratta, della quale sono già stati finanziati, e in parte completati anche i tratti fino a Firenze. Da non trascurare anche la parte legata alla comunicazione. Per questo saranno attivate newsletter e pubblicazioni su portali online come Bologna Welcome e XtraBo, l'infopoint dedicato alle attività outdoor che si trova nel cuore di Bologna. L'accordo sottoscritto tra Regione Emilia-Romagna, Città Metropolitana di Bologna, provincia di Modena e gli altri comuni attraversati dal tracciato prevede lo stanziamento di circa 138 mila euro per valorizzare la ciclovia.

La ciclovia del Sole percorso europeo

La ciclovia del Sole è un progetto costato 5 milioni di euro che ha permesso di riportare a nuova vita l'ex ferrovia Bologna-Verona da Sala Bolognese a Mirandola e a breve arriverà a collegare del tutto anche Firenze. In totale i chilometri percorribili saranno 392 km, di cui 154 in Emilia-Romagna e 120 nella città metropolitana di Bologna. I 46 km inaugurati di recente attraversano 8 comuni: Anzola dell’Emilia, Camposanto, Crevalcore, Mirandola, Sala Bolognese, San Felice sul Panaro, San Giovanni in Persiceto e Sant’Agata Bolognese (oltre 100.000 abitanti complessivi). Grazie a quest'ultimo tratto, dopo due anni di lavori, ad oggi la ciclovia è una realtà percorribile di fatto da Bolzano a Bologna. Il percorso si inserisce nel progetto più ampio delle grandi ciclabili europee e nello specifico rientra in Eurovelo 7, che è stata appunto battezzata "Sun Route" e da Capo Nord vuole collegarsi a Malta con 7400 km complessivi. Lungo la ciclovia saranno installate aree di sosta dove è possibile rifornirsi di acqua, caricare le batterie del telefono e della bici e collegarsi al wifi. "Questo è il turismo del futuro - aveva dichiarato Davide Cassani, ct della nazionale di ciclismo e presidente dell'Apt Emilia Romagna - La bici è un viaggio dentro al paesaggio, è scoperta ed eplorazioaze, il ciclista sa che pedalando si viaggia e viaggiando si impara". Tutte le info su cicloviadelsole.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA