Due bikers folgorati da un fulmine lungo la strada dell'Assietta in Piemonte

Erano insieme con le ebike lungo uno dei percorsi più belli della zona, una delle due vittime è un industriale torinese titolare di una nota azienda dolciaria

foto di repertorio: fonte pixabay

Sarebbe stato un fulmine a provocare la morte di due ciclisti che si trovavano con le loro mountain bike a pedalata assistita lungo la strada dell'Assietta, in alta Val Chisone, nel Torinese. E' successo nel primo pomeriggio di venerdì, nel teritorio del comune di Pragelato in direzione Rifugio dell'Assietta. Sarebbe stato un automobilista di passaggio a vedere e segnalare la presenza dei due ciclisti a terra esanimi. Arrivati sul posto, i soccorritori del Soccorso Alpino e del 118 non hanno però potuto che constatare il decesso dei due bikers. Da quanto emerso da una prima ricostruzione sarebbero stati proprio colpiti e folgorati da un fulmine durante il maltempo che ha colpito la zona con una forte grandinata.

Le vittime sono due uomini, probabilmente compagni di pedalata. Uno dei due è un industriale torinese, Alberto Balocco, 56 anni, titolare e amministratore delegato dell'omonima azienda dolciaria. La seconda vittima D.V, 55 anni, era originaria di Torino ma residente in Lussemburgo.

L'elicottero del soccorso alpino ha subito approfittato della finestra di tempo favorevole per librarsi in volo e raggiungere le squadre di terra ma, tentate le manovre di rianimazione e constatato il decesso dei ciclisti è ritornato subito a valle prima che arrivasse nuovamente la nebbia. A quanto riferito dal giornale l'Eco del Chisone che ha riportato la notizia, non appena ci sarà l'autorizzazione del magistrato, i corpi saranno trasferiti a Sestriere tramite i mezzi di terra del Soccorso Alpino e da lì alla camera mortuaria di Pomaretto con il carro funebre.

La dinamica della tragedia sarà approfondita e accertata da parte dei Carabinieri della Compagnia di Susa e dal medico legale. "In considerazione delle condizioni meteorologiche in zona e delle prime indicazioni del personale sanitario, - ha scritto il Soccorso Alpino e Speleologico del Piemonte - si può supporre che l'incidente sia avvenuto a causa di un fulmine".

"Siamo sconvolti da una tragedia improvvisa che colpisce un amico, un imprenditore simbolo della nostra terra, che ha portato il Piemonte nelle case di tutto il mondo. - ha scritto su facebook il governatore della Regione Piemonte Alberto Cirio - Ci stringiamo in un forte abbraccio alla famiglia di Alberto Balocco e a tutti i suoi cari".

Foto scattata nel luogo dell'incidente durante l'intervento: fonte Soccorso Alpino e Speleologico Piemonte

© RIPRODUZIONE RISERVATA