Grazie alla tecnologia blockchain, Colnago rende le sue bici perfettamente tracciabili

Il marchio italiano Colnago sarà il primo costruttore di biciclette ad adottare la tecnologia blockchain su tutte le bici, per fornire ai clienti prove di validità e proprietà certificate, combattendo così furti e contraffazioni. La prima bici ad essere dotata di questa novità sarà quella in uso ai Campionati del Mondo, la V3SR disegnata direttamente da Tadej Pogačar.

A partire dal 2022 le biciclette Colnago saranno dotate di tecnologie blockchain, per essere facilmente associate al legittimo proprietario in caso di furto e garantirne la tracciabilità, e quindi il valore, nel tempo. Una novità in più che si aggiunge alla grande qualità del marchio bergamasco, che sarà il primo produttore a collegare i suoi prodotti fisici ad un registro virtuale. La prima bici dotata di questa caratteristica non sarà una bici a caso, ma proprio quella che sarà utilizzata domenica 26 settembre da Tadej Pogačar durante il Campionato del Mondo di Ciclismo su Strada UCI 2021.

L'innovazione di una tracciabilità sicura

Blockchain significa letteralmente "catena di blocchi": è una struttura di dati costituita da un registro digitale di voci raggruppate in blocchi concatenati tra loro in ordine cronologico. L'integrità di questa catena è garantita attraverso la crittografia e il suo contenuto, una volta scritto, non puù essere modificabile né eliminabile. Grazie alla tecnologia della catena di blocchi, alle bici di nuova produzione saranno aggiunte le informazioni su produzione, vendita e proprietà, informazioni che saranno archiviate su una piattaforma ad hoc, basata appunto sulla blockchain, e gestita da MyLIme, società tecnologica italiana, in grado di collegare i telai Colnago alla Automotive Blockchain®. Questi dati non possono essere modificati o falsificati e costituiranno una garanzia perenne della proprietà. In caso di vendita e passaggio di proprietà, questo può essere tranquillamente gestito tramite un processo brevettato proprio da MyLIme. In questo modo la tracciabilità è assoluta e affidabile. Tutte queste informazioni si trovano in un tag RFID, sviluppato appositamente da MyLime, che è indissolubilmente legato al telaio e consente un facile accesso alle informazioni, come fosse un passaporto digitale inciso sulla bicicletta. "Abbiamo esaminato la sicurezza fornita dalla tecnologia blockchain - spiega Manolo Bertocchi, direttore marketing di Colnago - per dare ai nostri clienti la sicurezza di sapere che il telaio che stanno acquistando è autentico e per avere una prova di proprietà perpetua. Annunceremo anche altre funzioni basate su tecnologia blockchain con il nuovo anno”. "Che si tratti di freni a disco, utilizzo della fibra di carbonio o design aerodinamico, Colnago è sempre stata un'azienda che porta innovazione sul mercato prima degli altri marchi di ciclismo", ha affermato Nicola Rosin, Amministratore Delegato di Colnago. In questa ricerca dell'innovazione e della sicurezza però c'è anche un'attenzione all'ambiente: Colnago e MyLime, infatti, hanno valutato le differenti tecnologie blockchain scegliendo quelle che limitano l'uso di risorse di calcolo, in modo da rispettare i paradigmi di sostenibilità.

Per prima la bici speciale disegnata dal vincitore del Tour

Le prime bici ad essere state dotate con questa tecnologia sono quelle attualmente impegnate per i Campionati del Mondo di Ciclismo su Strada in Belgio. Tra queste anche la V3RS utilizzata dal vincitore del Tour del France 2021 Tadej Pogačar. Una bici che è stata disegnata personalmente dal grande atleta sloveno ed è caratterizzata da una speciale livrea "Ice&Fire". “È la prima volta che progetto una bici - ha detto Tadej Pogačar - e lavorare con ingegneri e designer Colnago è stato molto entusiasmante. L'idea di base è stata quella che la mia testa è fredda come il ghiaccio in corsa ma le mie gambe sono sempre fuoco puro. Colnago ha utilizzato i colori Frozen per rappresentare questa dicotomia". Questa bici così speciale sarà poi battuta all'asta al momento del lancio del nuovo sito web Colnago e dell'app Colnago nel 2022.

© RIPRODUZIONE RISERVATA