Cicloturismo inclusivo: a Pinerolo 4 percorsi a prova di handbike, trike e carrozzine

Con il progetto Viaggio Italia - Pinerolo Handbike Tour, l’associazione B-Free promuove un turismo sostenibile e inclusivo allo stesso tempo

(crediti foto: B-Free Viaggio Italia)

Sempre più spesso si parla di cicloturismo come nuova frontiera del turismo, soprattutto in Italia terra di impareggiabili bellezze artistiche e naturalistiche: con il suo modo “slow” e sostenibile di fruire del territorio, infatti, la bicicletta è sicuramente il mezzo di trasporto che permette di godere al meglio un’esperienza che metta al centro il rapporto dell’individuo con la natura e la bellezza.

Per quanto, però, sia stato riscoperto il valore di un approccio più “lento” al territorio - e molte amministrazioni ed enti di preservazione del territorio si stiano muovendo in questa direzione per migliorare i servizi offerti - non ci si sofferma mai abbastanza a pensare quanto il concetto di sostenibilità non sia necessariamente sinonimo di inclusività e accessibilità.

I percorsi cicloturistici che pure, specie dopo la pandemia, stanno vivendo un grande momento di riqualificazione e sviluppo, non sono sempre pensati per essere fruibili agevolmente anche dalle persone con disabilità motorie che utilizzano mezzi di mobilità alternativi come l’hand-bike, l’uniciclo, il ruotino elettronico, le carrozzine da trekking o altri mezzi di mobilità. E questo aspetto non è quello a cui si guarda come prerogativa, nonostante, di fatto, rendere un territorio accessibile anche a persone con disabilità significhi poter coinvolgere con soddisfazione il numero più ampio possibile di soggetti, creando un circolo virtuoso dal momento che aumentare la fruibilità di un territorio, significa in senso lato aumentarne l’attrattività verso l’esterno.

Il progetto di B-Free

È da questa idea, con uno sguardo all’inclusività dei percorsi cicloturistici, che nasce il progetto promosso dall’associazione B-Free in collaborazione con il Comune di Pinerolo che ha sposato l’iniziativa e ha contribuito alla sua realizzazione. Si tratta di una sorta di “prova su strada” degli itinerari cicloturistici del pinerolese, che i fondatori dell’associazione Luca Paiardi e Danilo Ragona hanno percorso in sella alle loro handbike assieme all’atleta paralimpica Silvia De Maria, per testarne l’accessibilità lo scorso 3 giugno, in occasione della Giornata mondiale della bicicletta.

Il risultato è Viaggio Italia – Pinerolo Handbike Tour, una pedalata alla scoperta di quattro specifici percorsi del territorio del Pinerolese, selezionati e promossi come modello di cicloturismo inclusivo, per la loro percorribilità e accessibilità anche per persone con disabilità motorie.

Gli itinerari sono stati letteralmente testati, chilometro dopo chilometro, analizzandone la morfologia, l’accessibilità, senza fretta, nello spirito del turismo slow, ma con uno sguardo orientato alla valutazione della fruibilità dei percorsi ciclabili al maggior numero di utenti.

"L'obiettivo è diffondere le good-practice e l’idea che laddove un percorso o un luogo sia maggiormente accessibile è molto attrattivo e frequentato; in questo progetto abbiamo analizzato le ciclabili con handbike muscolari o a pedalata assistita, pensati non solo come mezzi sportivi ma anche di trasporto ecologici sicuri per muoversi” ha spiegato l’architetto Luca Paiardi direttore del progetto. “Abbiamo realizzato una mappatura dettagliata delle ciclovie analizzando dati e servizi con lo scopo di promuovere le eccellenze turistiche e culturali del pinerolese, con lo scopo di favorire lo sviluppo del cicloturismo nel territorio, in particolar modo ponendo l’attenzione verso le persone diversamente abili che utilizzo una handbike, ma anche verso persone che usano mezzi diversi come i rider che lavorano sulle cargo-bike”.

Sono quattro i percorsi promossi nel pinerolese, con grande soddisfazione di Francesca Costarelli, Assessora al Turismo del Comune di Pinerolo: "Il Turismo è per tutti e tutte: il Pinerolese dimostra di credere nell'innovazione sociale anche in campo turistico, per divenire un territorio sempre più accogliente e che si interroga su come rispondere alle differenti esigenze dei turisti e dei ciclisti. Pinerolo Handbike significa scegliere di ricercare nuove soluzioni, secondo una visione politica e sociale che mira a rendere le bellezze dei nostri comuni realmente fruibili per tutti e, in questo caso, percorsi ciclabili a prova di handbike, trike e carrozzine”.

Percorsi inclusivi nel pinerolese

Nel territorio di Pinerolo, passano il test quattro percorsi che di fatto vengono “promossi” da B-Free come esempio di cicloturismo accessibile.

1) Via delle Risorgive, Airasca - Moretta

La Via delle Risorgive, conosciuta anche come Pista ciclabile Airasca-Moretta, collega Airasca a Moretta, attraverso i territori di Scalenghe, Cercenasco, Vigone, Villafranca Piemonte. Data la presenza di numerose risorgive nei territori attraversati, il percorso viene denominato dal 2014 «Via delle Risorgive», totalmente pianeggiante, con confortevoli aree di sosta in ogni comune.

È un tracciato percorribile in qualsiasi stagione, adatto a tutti. Gli unici punti “critici” sono alcuni attraversamenti, comunque ben segnalati e protetti. La pista corre in gran parte sulla pianura pinerolese in ambiente tipicamente agricolo, tra campi di mais e campi di grano, e tra foreste di salici e di pioppi.

CLICCA PER MAPPE E DETTAGLI

2) Ciclostrada Pinerolo - Piossasco

Percorso totalmente pianeggiante. La ciclostrada unisce Pinerolo e Piossasco attraversando tutti i comuni della pianura pedemontana e si collega con le ciclostrade Pinerolo-Stupinigi, Piossasco-Avigliana e con gli itinerari della pianura pinerolese. È un percorso molto semplice che si può percorrere anche con i bambini.

CLICCA PER MAPPE E DETTAGLI

3) La Via della Pietra, Bricherasio - Barge

La Via della Pietra si estende dal Comune di Bricherasio al Comune di Barge e presto arriverà fino a Saluzzo. È immersa nel verde delle campagne, attraversa campi e frutteti. La ciclabile attraversa i seguenti comuni: Bricherasio (TO), Campiglione Fenile (TO), Bibiana (TO), Bagnolo Piemonte (CN) e Barge (CN).

CLICCA PER MAPPE E DETTAGLI

4) Bicipolitana Pinerolo Centro - Malanaggio

Percorso che percorre la pista ciclabile cittadina di Pinerolo, la Bicipolitana, e il tratto della ciclabile “Pinerolo - Val Chisone” fino a Malanaggio. È parte del percorso EuroVelo8 e si collega a diversi percorsi cicloturistici della rete ciclabile metropolitana di Torino e della Regione Piemonte.

CLICCA PER MAPPE E DETTAGLI

© RIPRODUZIONE RISERVATA