Nasce una nuova ciclovia nella laguna del Parco del Gargano

Si chiama Ciclovia Isola Varano e costeggerà il tratto di terra tra il mare Adriatico e la laguna del lago di Varano, in Puglia. Un progetto di mobilità sostenibile e turismo lento che ha ottenuto un finanziamento da due milioni di euro.

(Foto da pagina facebook Ente Parco Nazionale del Gargano)

A guardarla dall'alto, quella striscia di terra dritta e regolare, incastonata tra il lago e il mare, sembra fatta apposta per ospitare una pista ciclabile. E ora finalmente sarà realizzata. Il Parco Nazionale del Gargano ha infatti ottenuto il finanziamento del progetto di Ciclovia Isola Varano: un progetto di mobilità sostenibile che punta a rilanciare il sistema dei laghi costieri. Siamo nel nord della Puglia, nella parte alta del "tacco d'Italia", e precisamente nei comuni di Cagnano e Ischitella. Il lago di Varano con la sua superficie di circa 60 km quadrati è il più grande lago costiero della penisola e uno dei maggiori a livello nazionale. Le sue acque sono salate e l'ambiente lagunare che lo caratterizza ospita una biodiversità molto ricca, particolarmente frequentata dall'avifauna come aironi e cormorani. La pista ciclabile sarà lunga 10 km e collegherà le località di Capoiale e Foce Varano, lungo l'asse che percorre completamente l'istmo - o "isola" dato che a guardarla bene è circondata dall'acqua - parallelamente alla SP41. Nel progetto sono previste anche delle piccole aree di sosta attrezzate.

Un finanziamento di 2 milioni di euro

(Immagine da google maps)

Il progetto è finanziato con 2 milioni di euro dal Ministero della Transizione Ecologica (MITE), che ha inserito la proposta presentata dal Parco del Gargano tra gli interventi finalizzati alla mitigazione dei cambiamenti climatici. "Abbiamo colto l’opportunità dei fondi stanziati dal Ministero - ha detto il presidente dell'Ente Parco Nazionale del Gargano Pasquale Pazienza - Il nostro obiettivo è investire su progetti utili per il territorio in grado di coniugare le necessità ambientali sempre più urgenti di tutela delle biodiversità alle buone pratiche di promozione di modelli di sviluppo economico legate alla mobilità, al turismo, alla fruizione e all’accessibilità di beni ambientali e culturali esistenti nel nostro territorio.” Si vuole insomma promuovere un turismo lento ed esperienziale, che sposi la tutela ambientale e il benessere in una delle aree protette più suggestive del Gargano. Il comune di Ischitella, ente capifila della convenzione, ha già consegnato il progetto definitivo, redatto in collaborazione con il Consorzio Bonifica Montana del Gargano. L'Ente Parco dovrà ora concludere l'iter richiedendo tutti i pareri e le autorizzazione, per poi dare il via al progetto esecutivo e vedere la ciclovia realizzata.

Qui sotto un video filmato col drone da Alessio Di Lella che rende bene l'idea dell'ambiente lagunare a cavallo tra lago e mare dove sarà realizzata la ciclabile:

© RIPRODUZIONE RISERVATA